Capua - Grazzanise - Vitulazio - Camigliano - Pastorano - S.Maria la Fossa

Incontro col poeta satirico Camillo Ferrara

 CAPUA. Si è tenuto nella sala consiliare di Capua il tradizionale incontro con Camillo Ferrara, poeta satirico, che ripercorre, per il carnevale, la tradizione della satira dell’antica Grecia, contraltare a tutte le manifestazioni della vita pubblica.

Una riunione affollata e dai toni scherzosi. Un fitto, pungente ed arguto monologo quello di Ferrara. “Il satiro capuano – ha commentato il sindaco Carmine Antropoli – coglie ottimamente le sfumature affettive, culturali, psicologiche e spirituali di persone che attraverso lo scritto di Camillo divengono inevitabilmente dei personaggi. Il fluire delle quartine, affascinanti ed affabulatrici, restituiscono al carnevale la sua più antica connotazione educativa, formativa, divertente, in verità mai salace ma certamente una satira ispida”.

Tutti ne sono colpiti e coinvolti, così come il suo stesso autore che ha fatto dell’autoironia una sua caratteristica principale che lo rende coinvolgente e simpatico all’ennesima potenza. “La satira che non ha niente a che vedere con la malvagità e la cattiveria, – commenta Ferrara, che trae ispirazione nella notte di Natale – è l’anima, il vero spirito del carnevale ed è soprattutto l’unico momento che ridendo e scherzando, ha il povero popolo per sfogare e mettere in discussione, con sarcasmo ogni autorità costituita”.

Le sue quartine pungenti, a rima baciata, dette “cicuzze” ovvero pietre appuntite da scagliare, rappresentano la voce del popolo capuano in questa settimana di allegria e bagordi. “…Madonna e commo corre e passa ‘o tempo, mmo’ era ‘state e stammo già a vierno, nun tiene o’ tempo ‘e te gudé Natale che già t’he ammascarà pe’ Carnevale. E accussi’ se ne passa ‘a vita nosta…”. E tra le tante quartine una anche per questa edizione del Carnevale da parte del “Comitato Grandi Eventi” guidato da on Gianni Branco. “Ma’ nt ‘a Città ce sta’nu nido ‘e serpente, can un vo’ a don Gianni a ‘e Grandi Eventi, dice ca fosse bbuono a ffà o Cardinale ma n’e cosa pe’ isso ‘o Carnevale. Ce stà chi le dice ca pensasse ‘o rosario, chi ‘o vulesse luntano a fa ‘o missionario, e ce stà pure chilo ca ‘o vulesse fa santo pecché sulo accussì s’’o putesse levà ‘annante. Però ‘o Parrucchiano ll’assaggio ll’ha rato cu ‘a bella nittata d’Ammaculata, pure si Modugno, arret’’o o scenario nun l’ha vuluto lassà maie solitario….”. E poi conclude dopo Carnevale e Quaresima: “…ma pur’essa passarà e tra: o’ vierneri santo, ‘nu bagno a mare, ‘apertura de’ scole, ‘a festa ‘e San Gennaro, ‘a jurnata de muorti e ‘nu paro ‘e novene… ce vedimmo se Ddio vo’ a ll’anno che vene!”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico