Caserta

“Caserta switch on”, un palco per le band emergenti

 CASERTA. Caserta switch on è l’ultimo prodotto ideato dall’associazione Muma–music machine, per garantire la massima visibilità alle band emergenti della provincia casertana.

La rassegna si svolgerà tutti i giovedì sul palco del Kingston music club di San Nicola la Strada e ospiterà ogni sera una band. La start line è prevista per giovedì 14 gennaio con i The Kitsch, e, durante tutto mese di gennaio si alterneranno le prime tra le più interessanti band della provincia di Terra di Lavoro.

Giovedì 14 gennaio | The Kitsch (Caserta)

“Arte con pretenzioso cattivo gusto”….questo è ciò che i Kitsch vogliono dire e questo è ciò che i Kitsch fanno.
Progetto composto da tre elementi che riescono a fondere i rispettivi background musicali in un ambiente sonoro fatto di rock ed elettronica. All’attivo due album “Let the show begin” (2007) e “Where Our Worlds Collide” masterizzato presso gli Sterling Sound Studios da Chris Athens (Coldplay, Jeff Buckley).

Giovedì 21 il Kingston | Eddy fro the enot (Caserta)

Gli Eddy from the Enot prendono forma in una cantina maleodorante a metà degli anni 90, spinti dalla forza che solo l’adolescenza può inculcare: chitarra rubata, basso di terza mano, amplificatori in prestito, batteria minimale, il tutto suonato all’estremo opposto di quello che si suole definire virtuosismo. Il nucleo primitivo del gruppo è formato da Luciano Verdicchio e Daniele Rienzo, chitarra e basso rispettivamente. Le influenze partono dagli anni 80, ascolti post-punk/new wave fatti attraverso fratelli e amici più grandi, e, almeno inizialmente, si concretizzano nei nomi di Shellac e Sonic Youth: esperimenti con trapano e armophono sono la testimonianza di quest’epoca spensierata oltre ad un disco-demo registrato, ma mai fatto circolare. Negli anni 2000 il gruppo si riduce ad un duo (basso e chitarra), che per mesi e mesi continua a limare e modificare incessantemente i giri e le idee che di tanto in tanto spuntano fuori. Con una manciata di canzoni inscenano una versione elettronica degli Eddy from the Enot, grazie all’appoggio e all’amicizia del dj Paki Di Maio, che si fa carico di dare uno scheletro ritmico ai brani. Il tutto viene rappresentato in tre o quattro concerti, indimenticabile, per il gruppo, quello svoltosi a Neroenonsolo (soprattutto per il valore “storico” del luogo). Dopo la parentesi elettronica il duo torna di nuovo in sala prove (la cucina del chitarrista) per riprendere il discorso compositivo e risistemare le idee sparse, nascono nuove collaborazioni, assurda e divertentissima quella con Agostino Santoro che prende forma in “La ballata di Carlo Giuliani”.Nel 2009 siede alla batteria, per una prova, Alfredo Porfidia e il gruppo torna ad essere un trio. Dopo aver riarrangiato per l’ennesima volta i brani e dopo alcuni concerti come gruppo spalla, a fine 2009 gli Eddy from the Enot sono pronti a registrare un album e hanno guadagnato ormai una dimensione live, grazie anche alla proiezione di immagini alle loro spalle.

Giovedì 28 gennaio | Micro – b

I MICRO b nascono nel ’96, quando Daniele Ruotolo e Raffaele d’Addio, dopo varie collaborazioni con diverse cover band, sentono l’esigenza di fare qualcosa di proprio. Così si aggiungono al gruppo Diego Iuliucci e Vincenzo “Bissio” Basilicata. All’interno del gruppo c’è spazio per tutte le espressioni individuali, cosa che col tempo ha dato ai MICRO b quel sound grunge-rock-pop che li contraddistingue. Nel 2003 Corrado Ruotolo subentra a Diego e il gruppo gode di nuova linfa, il che lo porta ad affinare e personalizzare ancora di più le proprie sonorità. I MICRO b hanno inciso duecd entrambi autoprodotti (nel 1999 e nel 2003) e a breve inizieranno le registrazioni del terzo. Hanno partecipato a diversi festival e manifestazioni tra cui: Non solo rock, Royal rock festival, Zoster. I MICRO b sono: Raffaele d’Addio | batteria Corrado Ruotolo | basso Bissio | chitarra
Daniele Ruotolo | voce, chitarra

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico