Casal di Principe - San Cipriano - Casapesenna

Vasi del IV° secolo a.C. a casa del latitante Michele Zagaria

 SAN CIPRIANO D’AVERSA. Quattro vasi risalenti al quarto secolo avanti Cristo sono stati sequestrati nell’abitazione del latitante del clan dei Casalesi Michele Zagaria, 51 anni, ritenuto assieme all’altro ricercato Antonio Iovine al vertice dell’organizzazione criminale.

La scoperta è avvenuta durante un controllo presso la villa situata a San Cipriano d’Aversa, in via Salvatore Vitale, dagli agenti della Squadra mobile di Caserta, diretta dal vicequestore Rodolfo Ruperti, e del posto fisso di polizia di Casapesenna, coordinato dal vicequestore Alessandro Tocco. I reperti, riconducibili ad un arredo tombale e ritenuti provenienti dall’area campana settentrionale, hanno un valore stimato in alcune migliaia di euro, che probabilmente costituivano “omaggi” al boss da parte dei suoi accoliti.

Trattandosi di beni appartenenti al patrimonio dello Stato, che chiunque dovesse trovare, anche casualmente, dovrebbe consegnare alle soprintendenze, è stata denunciata per ricettazione la sorella del latitante, Gesualda Zagaria, 43 anni, residente nella stessa abitazione.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Aversa, Mazzoni (M5S): "Io contraria ai parcheggi? Dipende da come vengono gestiti" - https://t.co/ymKwdXZRLm

Napoli, furti d'auto: sgominata banda dei "cavalli di ritorno" - https://t.co/TPxcHU224a

Camorra, arrestato nel Frusinate il latitante Giovanni Diana: è il cognato del boss Nobis https://t.co/gAsQkh9KCi

Orta di Atella, saccheggiano slot machine in un centro scommesse: arrestati https://t.co/DaIfU4Xdkn

Condividi con un amico