Campania

Intestazione fittizia di beni, condannato il figlio del boss “Sandokan”

Francesco SchiavoneCASERTA. Due anni e otto mesi. Questa la condanna, in primo grado, inflitta a Nicola Schiavone, primo dei sette figli del boss Francesco Schiavone, detto “Sandokan”, detenuto al 41bis.

La sentenza è stata emessa dalla prima sezione penale del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, presieduta dal giudice Raffaello Magi. Nicola Schiavone è stato condannato per il reato di intestazione fittizia di beni riconducibili al clan dei Casalesi, per evitare il sequestro e la confisca.

I magistrati, infatti, hanno ritenuto che Schiavone fosse un socio occulto dell’autosalone “Trident” di Casal di Principe, inaugurato nel 2003. Beni ritenuti intestati a Simone Alfonso Basco, quest’ultimo condannato a due anni. L’affare girava attorno a fatture di 250mila euro, per l’acquisto di auto di grossa cilindrata che venivano rivendute nell’autosalone.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Aversa, abbattimento di pini a rischio nel Parco Pozzi https://t.co/mZ8pTOuGtU

70 anni Dichiarazione Diritti dell’Uomo: a Napoli unica tappa italiana di Human Rights Film https://t.co/zIRfdYatjr

Liberato, in migliaia acclamano il rapper senza volto https://t.co/JvAHFfXVtL

Napoli - Liberato, in migliaia acclamano il rapper senza volto (10.05.18) https://t.co/afciQg3PvQ

Condividi con un amico