Santa Maria C. V. - San Tammaro

Principe di Piemonte, dopo Natale lezioni alla scuola Perla

Giancarlo Giudicianni SANTA MARIA CV. Gli alunni della Principe di Piemonte non faranno doppi turni e svolgeranno regolarmente lezione all’interno della scuola Perla.

Questa mattina il primo cittadino Giancarlo Giudicianni ha ricevuto i genitori degli studenti dell’istituto Principe di Piemonte, rassicurandoli circa la dislocazione delle classi e gli orari di lezione. Già a partire dalla ripresa delle attività didattiche dopo le festività natalizie, tutti gli studenti della Principe di Piemonte, infatti, potranno seguire le lezioni nel corso della mattinata, senza dover effettuare turni pomeridiani. Inoltre, al fine di agevolare i genitori che non hanno la possibilità di accompagnare i propri figli a scuola, verrà garantito un servizio navetta. Solo al termine dei sondaggi sull’edificio di corso Garibaldi sarà possibile conoscere tempi e modalità di riapertura completa della scuola. Fino a quel momento verrà garantita la continuità delle lezioni e, qualora i tempi dovessero protrarsi, verrà valutata l’ipotesi di realizzare strutture ex novo.

“Non è umanamente possibile fare più di quanto stiamo facendo – ha detto il sindaco – la nostra priorità è garantire la sicurezza dei bambini. Da quando è stata riscontrata l’inagibilità dell’edificio non è passato giorno senza che noi facessimo di tutto per arrecare il minor disagio possibile agli alunni, ai loro genitori e al corpo docente, ascoltando e andando incontro alle esigenze di ciascuno. E’ necessario mantenere un clima sereno e lasciare che i tecnici facciano tutti i rilievi del caso. I bambini torneranno a seguire le lezioni nella Principe di Piemonte solo se l’istituto risulterà perfettamente in linea con la normativa vigente, poiché il mio unico interesse è la loro salvaguardia. Invito, pertanto, nuovamente tutte le persone coinvolte in questa situazione, genitori, corpo docente e personale scolastico, a rivolgersi direttamente a me quale unico riferimento per la risoluzione di questa problematica”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico