Marcianise - Capodrise - Portico - Recale - Macerata Campania

Al Cinepolis mattinata di legalità con i ragazzi del “Quercia”

 MARCIANISE. I ragazzi e le ragazze delle terze e delle quarte classi del liceo “Quercia” di Marcianise sono stati i protagonisti di un evento culturale dall’inequivocabile significato etico-civile.

In una delle sale del Cinepolis del Centro Campania di Marcianise, su iniziativa della direzione della stessa multisala e dell’istituto scolastico marcianisano, fortemente voluto dal suo dirigente scolastico Diamante Marotta, nel solco dell’impegno per la promozione tra i giovani della cultura della legalità, c’è stata la doppia presentazione di un libro e di un cortometraggio, con la presenza dell’autore e del regista. A far gli onori di casa la direttrice del Cinepolis, Ester Piazza.

Ha coordinato i lavori lo stesso dirigente Marotta, che ha ribadito la funzione di presidio civico, oltre che di faro culturale, che il “Quercia” ha deciso di assumere nei confronti del territorio. Il libro è quello dello scrittore casertano Pasquale Iorio ed il titolo, “Il Sud che resiste”, è quanto mai significativo. Storie di uomini e di donne che in Terra di Lavoro si sacrificano per garantire un futuro a chi vive ai margini e trascina con fatica un’esistenza dannata. Come la storia esemplare scritta da Don Peppe Diana, ma anche come quelle di tutti coloro, e sono tanti, che continuano a coltivare l’utopia della giustizia, della pace, dell’amor di popolo coltivata dal sacerdote di Casal di Principe.

 Il cortometraggio è quello di Giuseppe Pizzo, regista di Orta di Atella, che con “La vita accanto” ha raccontato, con un linguaggio immediato, semplice e tagliente, una storia di violenza e di disperazione, ma anche di speranza e di riscatto. Lo ha fatto girando nell’agro aversano con i ragazzi di Succivo e di Orta, facendoli parlare come sanno fare loro, con il loro dialetto. Proprio quelli che sembrano irrimediabilmente persi dietro le mille illegalità che ci strozzano e che, invece, sono capaci di gesti d’amore e di scelte coraggiose. E’ quello che avviene nella scena centrale del film, quando, di fronte alla prospettiva di vendicare l’amico uccidendone l’assassino, uno dei giovanissimi protagonisti sceglie di non sparare e di rompere l’assurda spirale di violenza. Toccante è stata la scena ma molto di più lo è stato l’applauso liberatorio in sala, che ha provocato vivissima emozione nel regista, come ha poi egli stesso affermato dialogando con gli studenti.

Presenti in sala anche alcuni dei ragazzi protagonisti, Angelo Auletta, Francesco La Rocca, Vincenzo Pellino e Salvatore Natale, che hanno familiarizzato con gli studenti del liceo marcianisano, dimostrando come il futuro può essere di speranza per tutti. Basta aprirsi all’altro, a quella “vita accanto” che troppo spesso lascia indifferenti soprattutto agli adulti.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico