Italia

Padova, in preda a raptus uccide a coltellate il figlio di 3 anni

 PADOVA. Monica Cabrele, 35 anni, di Padova, è stata fermata all’alba di domenica con l’accusa di omicidio volontario. Ha ucciso sabato sera, a Curtarolo, nel padovano, il figlio Alessandro di 3 anni con una decina di coltellate.

Il pm padovano Orietta Canova ha disposto l’esame autoptico sul corpo della piccola vittima, mentre sta valutando se sentire in giornata la donna, sempre che le condizioni di salute di quest’ultima lo consentano.

La Cabrele, infatti, è ricoverata nel reparto di psichiatria dell’ospedale di Padova, tenuta sotto sedativi e guardata a vista dai carabinieri. Nel nosocomio euganeo la donna era arrivata con un’ambulanza, lo sguardo perso nel vuoto e senza dire una parola. Non ha mai parlato nellequattro ore successive alla tragedia, avvenuta nella sua abitazione, mentre il marito si era allontanato per comprare delle pizze.

L’unica ipotesi finora presa in considerazione dagli inquirenti è quelladel raptus di follia, forse causato da una forte depressione post parto. Tre mesi fa la donna aveva dato alla luce un secondo figlio, presente in casa con la madre e il fratellino al momento dell’omicidio.

Secondo le prime ricostruzioni operate dai carabinieri, tutto si sarebbe consumato in un breve periodo di tempo, intorno all’ora di cena, verso le 19, quando il marito della donna, Gianni Bellato, di 40 anni,era uscito di casa per comprare delle pizza. Rientrato poco dopo si è trovato davanti una scena agghiacciante: la moglie in totale stato di choc che teneva sulle ginocchia in un lago di sangue il corpo del bambino e in una mano stringeva il coltello. All’arrivo dei carabinieri e di un’ambulanza del 118,si èbarricata in casa stringendo a sé il cadavere del figlio. Solo al termine di una lunga trattativa, durata circa quattro ore, i militari e il marito sono riusciti a convincerla a farsi ricoverare all’ospedale di Padova.

Il marito ha riferito che dalla nascita del secondo figlio, la moglie non era serena e aveva dato qualche segnale di depressione e sconforto. Gli inquirenti attendono quindi di poterla interrogare per capire quali siano state le cause che l’hanno portata al folle gesto.

ASkyTg24 il padre della donna afferma: “Mia figlia negli ultimi tempi era strana, dimenticava sempre tutto. C’era qualcosa che non andava,ma lei ha sempre voluto bene ai suoi figli”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico