Italia

Berlusconi: “Il Pd deve cambiare registro”

Silvio Berlusconi ROMA.Per Silvio Berlusconi il Pd “deve cambiare registro”, nel senso di “avviare una discussione seria” sul tema della riforma della giustizia.

“Per dialogare è necessario essere in due – afferma il presidente del Consiglio – e soprattutto avere rispetto dell’avversario, non insultarlo e demonizzarlo come il Pd di Franceschini e di Veltroni ha fatto ogni giorno, e spesso più volte al giorno, contro la mia persona. Se Bersani deciderà di cambiare registro e di concorrere alle riforme importanti per il futuro dell’Italia, il più contento sarò io”. Sul rapporto con Fini e Bossi: “Un ‘governo del presidente’? Lo escludo nel modo più assoluto. Se mai dovesse verificarsi un cambiamento di maggioranza, ma è un’ipotesi che non esiste, ci tengo a dirlo chiaro, sarebbe inevitabile il ricorso ad elezioni anticipate”.

Sullaconcessione della presidenza di due Regioni del Nord alla Lega, che rischierebbe di ridimensionare il peso nazionale del Pdl, Berlusconi commenta: “La questione è oggi ancora sul tavolo ma se ciò dovesse accadere certamente no. L’alleanza con la Lega è davvero solida. Non c’è nessun problema nell’individuazione dei candidati alle elezioni regionali anche perché presenteremo in ogni regione del Nord un ticket che indicherà un presidente del Pdl e un vice della Lega e viceversa. Nessun pericolo di sganciamento leghista, dunque. Tra me e Umberto Bossi c’è un patto ormai consolidato fondato anche sull’amicizia e sull’affetto”.

Mentre sul tema alleanze, il premier apre a Casini ritenendo che la collocazione dell’Udc non può che essere nel centrodestra: “L’Udc è con noi nel Partito del Popolo Europeo, che è la grande famiglia della libertà e della democrazia in Europa. Negli altri paesi dell’Unione i partiti popolari non si alleano con la sinistra, non sono disponibili ad allearsi con una parte o con l’altra. Questo non è casuale. È la conseguenza del fatto che i nostri valori, i nostri programmi, la nostra economia sociale di mercato, sono concezioni alternative a quelle della sinistra. Questo avviene persino in Paesi nei quali esiste una sinistra socialdemocratica e riformista vera, a differenza di quella con cui abbiamo a che fare in Italia che ha cambiato più volte nome, dal Partito Comunista al Partito Democratico, ma non ha mai rinnegato le sue radici e non ha mai, sostanzialmente, cambiato la sua politica e il suo modo di condurre la lotta politica. Dunque, la collocazione strategica dell’Udc non può che essere nel centro destra, e noi attendiamo fiduciosi che questo avvenga”.

Berlusconi poi afferma di non voler rinunciare alle azioni contro La Repubblica e L’Unità. “Ho il dovere di tutelare non la mia persona, ma l’istituzione che rappresento – dice il premier – e che mi è stata assegnata dal voto di milioni di italiani. Insultando me si insultano tutti loro, si insulta il loro voto, la loro volontà, la loro dignità. E non ho sporto querela. Mi sono rivolto, in modo direi quasi disarmato, ai giudici civili destinando da subito l’eventuale risarcimento del danno all’Istituto San Raffaele di Milano”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico