Esteri

Riforma sanitaria, primo sì del Senato Usa

 WASHINGHTON. Il Senato americano dà il via libera al dibattito sulla riforma storica del sistema sanitario Usa prediposta dall’amministrazione Obama, che ambisce a estendere la sua copertura a più di 30 milioni di americani che ne sono sprovvisti.

Favorevoli58 senatori democratici e due indipendenti, tra cui Joseph Lieberman, contrari 39 senatori repubblicani, mentre un altro repubblicano, George Voinovich dell’Ohio, non si è espresso. Il voto, a carattere procedurale, consente di procedere nella messa a punto della riforma, che al Senato vede un testo di 2.074 pagine.

Al termine della votazione, il portavoce della Casa Bianca, Robert Gibbs, ha dichiarato: “Il voto storico di questa notte ci avvicina un po’ di più alla nostra volontà di porre fine agli abusi delle società assicurative, di ridurre i costi delle cure mediche, di garantire la stabilità e la sicurezza della copertura per malattia a quelli che ne hanno una e di offrire una copertura di qualità a quelli che ancora non ce l’hanno”.

Ma è ancora lungo e tortuoso l’iter per l’approvaizone della riforma. In particolare, sarà necessario unificare i testi della riforma della Camera e del Senato, che presentano alcune differenze sostanziali. La principale è che il testo approvato alla Camera prevede spese per più di mille miliardi di dollari e alcuni limiti per la copertura dell’aborto terapeutico. Il documento allo studio al Senato, invece, comporterebbe un costo di 848 miliardi di dollari entro il 2019 e consentirebbe una sorta di opzione pubblica, ovvero la possibilità per i singoli Stati di mettersi in concorrenza con le assicurazioni.

Da parte sua, il leader dei repubblicani al Senato, Mitch McConnell, ha messo in guardia contro l’adozione “di questo programma estremamente costoso in un momento in cuii nostri creditori internazionali, i cinesi, ci danno lezioni sul nostro debito”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico