Caserta

“Scuola aperta all’ambiente”, il Comprensivo ‘Ruggiero’ al convegno

Adele VairoCASERTA. L’Istituto Comprensivo “Ruggiero” di Caserta ha partecipato al convegno, tenutosi nella sala consiliare della Provincia, sul tema: “Comunicazione ed educazione alla sostenibilità: la Scuola aperta al territorio e all’ambiente”, …

… organizzato dalla Provincia e patrocinato dall’Unesco. A portare il saluto della dirigente scolastica Adele Vairo, una rappresentanza di docenti ed alunni delle classi terze dell’Istituto, che hanno condotto un brillante intervento corredato di slides illustrative sul percorso educativo didattico intrapreso con il Wwf di Caserta e ed il Settore Foreste dell’Assessorato all’Agricoltura della Regione Campania relativamente al tema della sostenibilità e del rispetto dell’ambiente. Il percorso vedrà il suo coronamento con la consegna da parte della sezione di Caserta del Wwf di un messaggio degli alunni del “Ruggiero” ai leader mondiali che si incontreranno dal 7 al 18 dicembre 2009 a Copenhagen per la “Climate Change Conference”.

 “Ho aderito con entusiasmo – ha dichiarato la dottoressa Vairo – al percorso egregiamente organizzato dalla Referente del Progetto e del Laboratorio Ambientale architetto Annamaria Spiezia,poiché mi è risultato da subito in linea con l’idea di scuola che sosteniamo nel nostro istituto e con l’esperienza progettuale che da due anni portiamo avanti, nello stesso ambito. L’elaborazione e la progressiva concretizzazione di tali piattaforme progettuali includono tutta una serie di attività in partnership che nascono e crescono da una prospettiva cognitiva ampia e pluridimensionale e da un approccio didattico laboratoriale creativo ed interattivo, diventato ‘buona pratica’ del quotidiano contesto educativo del Comprensivo Ruggiero. Tutto ciò – continua Vairo – con l’obiettivo di avvicinare progressivamente ed in maniera consapevole le giovani generazioni alla promozione di una cultura ecologica e sostenibile, in grado di farsi carico di tutte le problematiche connesse con la sensibilità, la creatività, la fantasia dei ragazzi attraverso l’uso dei ‘codici’ comunicativi ‘propri’ del mondo giovanile. I ragazzi, assorbono e metabolizzano gli input del concreto quotidiano a forte velocità: analizzarli e sintetizzarli può servire a dare una scossa al ‘sistema’”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico