Mondragone - Carinola - Falciano del Massico

Mondragone partecipa alla campagna nazionale Nastro Rosa

MONDRAGONE. Torna nel mese di ottobre la campagna “Nastro Rosa” per la prevenzione del tumore al seno, promossa dalla Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori.

In tutto il mondo occidentale, infatti, il tumore al seno è il primo tumore femminile per numero di casi e la sua incidenza è in costante aumento, tanto da essere considerato alla stregua di una vera e propria malattia sociale. In Italia, i nuovi casi di cancro al seno sono oltre 40 mila l’anno. Sconfiggere la malattia è possibile nella stragrande maggioranza dei casi se gli esami di controllo vengono praticati con regolarità.

“Ogni anno si registrano approssimativamente 600 nuovi casi di tumore della mammella nella provincia di Caserta e sono quasi 200 le donne che muoiono annualmente in Terra di Lavoro per tale patologia oncologica. – dichiara Enzo Battarra, presidente della Sezione provinciale di Caserta della Lilt- Anche quest’anno la sezione provinciale della Lilt di Caserta ha inteso aderire fattivamente alla Campagna Nastro Rosa, che ha carattere nazionale e ha l’obiettivo di sensibilizzare un numero sempre più ampio di donne sull’importanza della corretta prevenzione e della diagnosi precoce dei tumori della mammella, informando il pubblico femminile anche sugli stili di vita sani da adottare e sui controlli diagnostici da effettuare”.

La prevenzione primaria riguarda l’individuazione e la rimozione delle cause che producono il tumore e dei fattori di rischio, ma è tuttora di non facile applicazione. L’attività fisica, il controllo del peso, un regime alimentare equilibrato con maggior consumo di frutta fresca e verdura, la lotta al tabagismo sembrano comunque correlati con la riduzione del rischio. La prevenzione secondaria è rappresentata dalla diagnosi precoce. La scoperta di un tumore (in genere con la mammografia e l’ecografia) nella sua fase iniziale permette una cura meno aggressiva ed offre maggiori possibilità di guarigione. Essa costituisce oggi l’arma strategica raccomandata nella lotta al tumore della mammella.

“Anche il Comune di Mondragone ha inteso aderire all’iniziativa della Lilt – commenta l’assessore alle politiche sociali Alessandro Rizzieri – per dare anche sul nostro territorio ampia visibilità a questa meritoria inziativa di sensibilizzazione. Nella giornata di domenica prossima sarà allestito anche un gazebo dai volontari della Lilt di Mondragone nei pressi della Casa Comunale, che fornirà gratuitamente materiale informativo inerente il tumore alla mammella. Illumineremo simbolicamente anche il Campanile posto in Piazza Umberto I, proprio a significare la dimensione sociale di questa malattia e la coscienza che solo una informazione diffusa, ampia e pubblica può essere utilese non a sconfiggere la malattia, almeno a ridurre i decessi. Mi piace, quindi, ringraziare l’impegno sia della signora Antonietta Trano, quale coordinatrice della locale sezione Lilt per l’impegno sociale profuso nonchè la ditta la ditta Luce ed Energia, nella persona del legale rappresentante Fabio Del Prete, per l’aiuto tecnico fornito, che non manca mai in queste occasioni di promozione sociale. Su queste tematiche dobbiamo sempre di più implementare un modello partecipativo dal basso che veda coinvolte le migliori energie e rispetto alle quali l’Ente Comune si ponga in posizione di ascolto e di aiuto nell’organizzaizone delle campagne di sensibilizzazione”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico