Cesa

Bomba all’Itc ‘Gallo’ nel 1996, prescritte accuse per Rao e Borzacchiello

Itc 'Gallo' di AversaCESA.Fu arrestatocon l’accusa ditentata strage ed interruzione di pubblico servizio, per aver posto una bomba nel bagno dell’istituto tecnico commerciale “Gallo” di Aversa, nel 1996, …

… mal’altro giorno il Tribunale di Santa MariaCapua Vetere,dopo 13 anni, ha dichiarato chiuso il processo per intervenuta prescrizione. In questo modo si è chiuso il processo a carico diNicola Rao, originario di Cesa che all’epoca dei fatti aveva 21 anni ed era uno studente dell’istituto con sede alla periferia tra Aversa e Gricignano.
Secondo l’accusa Rao, insieme ad alcuni minori, processati a parte, e ad un altro maggiorenne, Salvatore Borzacchiello, anche questi di Cesa, aveva organizzato il tutto trasportando e facendo esplodere un ordigno il 17 marzo del 1996. La bomba creò non pochi danni alla strutturaappena realizzata, con grande spavento per alunni e corpo docente. Rao, secondo gli investigatori, era colui che trasportò con la propria auto la bomba confezionata dal cugino B.E.,Quest’ultimo ammise le sue responsabilità nell’attentato ma tentò di scagionare il cugino Nicola. Secondo le accuse la bomba fu fatta esplodere perevitare un compito in classe e per ottenere qualche giorno di vacanza.
L’ordigno fu collocato nei bagni, al primo piano dell’ edificio, provocando danni probabilmente superiori a quelli previsti. Le indagini portarono in breve tempo all’identificazione dei presunti responsabili. Polizia e carabinieri riuscirono, grazie anche alle testimonianze raccolte tra gli studenti, ad identificare i protagonisti del tentato attentato.
Negli anni, però, il processo penale ha subito innumerevoli rinvii a causa del cambio dei giudici, dovendo spesso ripartire dall’inizio. Così al collegio presieduto dal giudice Magi, relatore della famosa sentenza “Spartacus”, venerdì scorso non è rimasto altro che prendere atto che oramai il tempo aveva fatto il suo corso e che la prescrizione era intervenuta.
Di conseguenza il tribunale ha emesso il relativo dispositivo dichiarando il non doversi procedere sia per Rao, difeso dagli avvocati Filippo Trofino ed Enzo Guida, sia per Borzacchiello.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico