Aversa

Rifondazione Comunista avvia campagna anti-razzista

 AVERSA. Il circolo “Rosa Luxemburg” di Rifondazione Comunista è proiettato verso le mobilitazioni di quest’autunno.

Dopo l’adesione ai cortei del 3 ottobre e la partecipazione allo sciopero della Fiom del 9 ottobre, il nucleo comunista di via Santa Marta ha lanciato una campagna per la manifestazione antirazzista del 17 ottobre a Roma, con volantinaggi in lingua rivolti a italiani e migranti.

“Ormai da mesi va avanti in Italia una campagna xenofoba, omofoba e razzista che vede come principale sostenitore il governo Berlusconi. – si legge nel volantino, distribuito in italiano e russo sabato e domenica – Dietro lo spauracchio della sicurezza sono state approvate leggi, la famosa legge Maroni su tutte, che rendono difficilissima la vita per gli immigrati, rendendoli ancor più ricattabili da parte dei datori di lavoro di quanto non lo fossero prima. I lavoratori immigrati, infatti, pur di rimanere nel nostro paese devono accettare stipendi da fame, orari di lavoro massacranti e nessuna tutela sociale per non essere rimandati nei loro paesi di origine, spesso segnati da guerre e miseria”.

Nel volantino comunista si denuncia la truffa de “la regolarizzazione di colf e badanti che ha rappresentato l’ennesima estorsione ai danni delle lavoratrici migranti, costrette a pagare 500 euro per avere il tanto sospirato permesso di soggiorno”.

Le iniziative non si fermeranno con l’adesione al corteo: nelle prossime settimane si aprirà uno sportello sociale e legale per migranti, oltre a una campagna per unire le lotte dei lavoratori e degli studenti di qualsiasi nazionalità e a un dibattito-iniziativa sull’anniversario della morte di Ernesto Che Guevara.

L’appuntamento del 17 ottobre è solo l’inizio, per il circolo, di un lungo lavoro per l’unità antirazzista, contro un governo razzista e i suoi degni rappresentanti locali, e un’opposizione virtuale, che, a Roma come ad Aversa, condivide alcuni orientamenti di fondo proposti dalle leggi xenofobe di Berlusconi e Maroni.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico