Aversa

Liguori al centrodestra: “Si pensi ai problemi della collettività”

Cesario Liguori AVERSA. “Esci e sei costretto ad una gimkana tra materassi, frigoriferi dismessi, scaldabagni e l’immancabile spazzatura che traboccando dai cassonetti ostruisce i marciapiedi, …

… il tutto complicato dalla presenza costante, continua ed olezzante di escrementi di cani spesso schiacciati dalle orme di qualche sfortunato viandante. Non sto parlando di Kabul o della periferia degradata di qualche megalopoli brasiliana, ma del centro di Aversa. Chi deve recarsi, partendo dall’ex Macello al liceo classico, alla scuola elementare o al tribunale è costretto ad un percorso di guerra , ma questo vale per tante altre parti della città”.

A fare queste affermazioni non un “comunista” dell’opposizione alla maggioranza di centrodestra che amministra il comune di Aversa, ma l’ex segretario cittadino Udc Cesario Liguori che non lesina critiche alla maggioranza di cui fa parte anche il suo partito. “Apri il giornale – continua l’ex assessore regionale – e leggi delle numerose polemiche nel centrodestra per il capogruppo e la presidenza della commissione cultura, oppure delle polemiche della opposizione sulla commissione statuto, oppure delle trattative per la nuova giunta e per le prossime elezioni e ti viene in mente di roboanti annunci di grandi opere di riqualificazione cittadina a suon di milioni di euro della comunità europea”.

Insomma, un impegno costante a gridare alla luna. Tanto che Cesario Liguori conclude con una durissima stoccata: “Allora ti viene il dubbio che, a furia di pensare in grande, i nostri amministratori hanno dimenticato di essere amministratori comunali, perdendo il contatto con la realtà di tutti i giorni e non puoi fare a meno di inviare loro un fraterno invito a risolvere i piccoli grandi problemi della quotidianità”.

Una spiegazione a tanta durezza? Liguori è stato tra gli esponenti della maggioranza, quello che ha sempre avuto i piedi per terra e forse oggi intende prendere le distanze da una maniera di amministrare che non gli è consona.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico