Parete

I socialisti prendono le distanze dall’amministrazione Verrengia

 PARETE. “I socialisti prendono le distanze dalla maggioranza Verrengia, dove la posizione di Marco Monaco è estranea alla politica della sezione socialista e rappresenta egli personali posizioni”.

Lo afferma, in una nota, la sezione cittadina del Partito Socialista guidata dal segretario Peppe Falco. “La politica – continuano i socialisti – che pure aveva scelto la strada civica per eliminare poteri distorti all’interno di partiti, è giusto che si riappropri del suo naturale ruolo, di quello ad esso congeniale, razionale: del confronto, in una comunità del quale l’impellenza è, ormai, sotto gli occhi di tutti, tranne di chi non vuol vedere. Il fallimento del progetto civico-amministrativo, dovuto all’incapacità politica dell’amministrazione comunale di rapportarsi ai reali problemi della collettività, richiede scelte politiche coraggiose e di ampio respiro. Il paese ha bisogno di costruire il suo futuro, lontano da caste di padronanze, liberando coscienze da apparati, e spezzando il legame dall’effimero, pericoloso per chi lo pratica, e per quanti potrebbero condividerlo. L’amministrazione comunale non sta proprio aiutando la crescita di Parete. Serve poco accomunare alla nostra cittadinanza il coraggio, l’eccellentissima valenza e lo spirito dei servitori dello stato, quando amministratori sembrano diversamente curare più propri interessi di parti, stando al momento alle sole critiche ed accuse con manifesti murali, mosse da stessi consiglieri di maggioranza, passati alcuni all’opposizione, e di altri pure astenuti all’approvazione del bilancio comunale”.

“L’aver avviato – conclude la nota del Ps – una serie di riflessioni su considerazioni politiche, attenzione ai problemi, valutazioni sull’operato dell’amministrazione, decisioni di merito relative all’amministrazione comunale, ha portato la sezione a conclusioni politiche nel ritenere l’amministrazione Verrengia non adeguata, superata e conclusa l’esperienza civica dei socialisti a Parete”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico