Italia

Alfano: “La mafia ha rancori verso Berlusconi”

Angelino AlfanoGUBBIO.Il ministro della Giustizia, Angelino Alfano, a margine della Scuola di formazione di Gubbio, ha parlato dell’ipotesi di riaprire i processi sulle stragi mafiose degli anni Novanta.

“Se vi saranno elementi per riaprire i processi sulle stragi – ha detto il Guardasigilli – i magistrati lo faranno con zelo e coscienza e siamo convinti che nessuno abbia intenzione di inseguire disegni politici, ma solo un disegno di verità”.

Alfano, inoltre, si dice tranquillosul fatto che un’eventuale riapertura delle vicende che portarono all’uccisione dei giudici Falcone e Borsellino e agli attentati a Milano, Roma e Firenze possa in qualche modo avere ripercussioni sull’esecutivo: “Non abbiamo questa preoccupazione perchè riteniamo che il governo si sia qualificato per l’esatto contrario e per il grande contrasto alla criminalità organizzata che ha dato risultati straordinari”. Giovedì, invece, il capogruppo del Pdl al Senato, Maurizio Gasparri, si era detto contrario ad un’eventuale riapertura dei processi: “Non vorrei che riaprire delle indagini servisse a ordire delle manovre, a me queste cose non convincono”. Era stato il presidente della Camera, Gianfranco Fini, a parlare proprio da Gubbio della necessità di tornare a indagare sulle stragi.

Nel suo intervento, il ministro ha poi sottolineato: “Probabilmente c’è un certo rancore della mafia nei confronti di un uomo come Silvio Berlusconi che l’ha combattuta non con parole ma con i fatti. Se c’è un uomo di governo che più di ogni altro può vantare straordinari risultati nella lotta alla mafia è Berlusconi che lo ha fatto non con parole straordinarie ma con fatti. Ripeto non nascondiamo che la nostra valutazione è che vi sia una componente della criminalità organizzata che abbia ragioni di rancore e ostilità nei confronti del presidente del Consiglio”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico