Carinaro

Sicurezza nella villa comunale, accordo tra Masi e Ciaramella

Ciaramella e MasiAVERSA. La tragica morte del giovane Luigi Illibato, nei pressi della linea ferroviaria al confine tra Aversa e Carinaro, ha riacceso i riflettori sulla mancanza di pubblica sicurezza nella villa comunale carinarese.

Un’area che, ricordiamo, è di proprietà dello Stato, che ricade sul territorio di Aversa e per la quale il Comune di Carinaro paga un fitto. All’indomani del grave episodio il sindaco di Carinaro Mario Masi aveva invitato il collega di Aversa, Domenico Ciaramella, ad un incontro finalizzato alla scelta di provvedimenti per la sicurezza nella villa comunale del piccolo centro confinante con la città normanna. Invito raccolto immediatamente da Ciaramella, dichiaratosi disponibile a predisporre un servizio di vigilanza nella zona.

“Il tragico evento – ha dichiarato il dindaco Ciaramella nel corso dell’incontro – ha riproposto il problema della sicurezza nelle nostre aree. Questa è un’area ‘particolare’ perché, territorialmente, è del Comune di Aversa anche se di fatto si trova a ridosso di Carinaro”.

Il sindaco Masi ha già posto in essere un progetto di videosorveglianza dell’area che, ha accolto il plauso di Ciaramella. “Le telecamere di videosorveglianza – ha detto Masi – possono rappresentare un ottimo deterrente contro la micro criminalità, anche se da sole non bastano”.

E’stata presa in ipotesi, inoltre, la possibilità di estendere la competenza dei vigili urbani di Carinaro anche sul territorio della villa comunale, benché di Aversa. La proposta, ha incontrato la massima disponibilità dei due comandanti dei Vigili Urbani che hanno partecipato all’incontro, Stefano Guarino di Aversa e Giovanni Zampella di Carinaro.

A giorni i due sindaci invieranno una lettera a tutte le forze dell’ordine per informare della questione e chiedere un potenziamento della vigilanza.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico