Carinaro

Al via i festeggiamenti in onore di Sant’Eufemia

Sant'EufemiaCARINARO. Con l’esposizione del simulacro di Santa Eufemia in chiesa, su un suggestivo tosello preparato dalla ditta Stabile, si sono aperti ufficialmente i solenni festeggiamenti in onore della martire.

Quest’anno con una partecipazione numerosa di fedeli che hanno voluto ancora una volta testimoniare il loro attaccamento alla Santa patrona, seguendo in ogni dinamica tutto l’evento.
Oggi ha inizio il Triduo in onore della Santa con la Santa Messa e coroncina in chiesa. Mentre alle ore 17 vi è una solenne Celebrazione Eucaristica nel cimitero in suffragio dei fedeli defunti celebrata da don Gerardo Sangiovanni, cappellano militare presso il comando regionale della guardia di finanza di Napoli.
“Quella di iniziare i festeggiamenti patronali commemorando i fedeli defunti è una particolare attenzione che il comitato ha sempre avuto – ci dice Giuseppe Barbato, presidente della Congrega Sant’Eufemia e componente storico del comitato festeggiamenti – nei confronti dei defunti di tutta Carinaro, e ne è la riprova la sempre e crescente partecipazione dei cittadini i quali stimolati dal comitato onorano anche loro i propri parenti e conoscenti intervenendo al pio rito. Sempre domani nel salone parrocchiale esposizione degli oggetti e paramenti sacri antichi della Parrocchia. Vengono esposti paramenti sacri, stendardi, baldacchini e altri oggetti detenuti custoditi gelosamente negli archivi del palazzo parrocchiale. Particolare rilevanza daremo – continua Barbato – ad un colletto in stoffa ricamato in fili d’oro di inizio secolo XX° che veniva messo da un premuroso e preoccupato parroco di allora Don Michele Menale che copriva la scollatura del simulacro della santa adducendo che la statua fosse troppo ‘scollata’. Altri tempi, altre sensibilità”.
La mostra resterà aperta fino al 16 settembre. Mentre alle ore 21 in Piazza Trieste dimostrazione della scuola di ballo “Dance With Me” di Angelo e Susy Palumbo. A seguire poi la grande esibizione dell’Jouth classe A Benito Petrarca e Maria Grazia Ragosta. Concluderà la serata il gruppo di Cittadinanza Attiva di Carinaro con un saggio di bravura sulla tammorra che coinvolgerà tutti i presenti in speciali ricordi di quando questo strumento antico arricchiva le serate estive dei nostri nonni.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico