Italia

Lampedusa, si cercano immigrati morti in mare. Cei: “Violati diritti umani”

uno dei naufraghiAGRIGENTO. Dopo il macabro racconto dei cinque eritrei sbarcati giovedì mattina a Lampedusa, si intensificano le ricerche nel canale di Sicilia.

Sono in atto, infatti, pattugliamenti lungo tutto il tratto compreso tra le coste siciliane e quelle africane per verificare la presenza di cadaveri dei clandestini. I cinque sopravvissuti hanno detto di avernavigato per almeno 20 giorni e che, durante il viaggio a bordo di un gommone, almeno 75 persone hanno perso la vita. Il racconto dei cinque eritrei, tre uomini, una donna ed un minorenne, si fa ancora più drammatico quando accennano al fatto che più di una nave li ha visti in condizioni disumane ma non ha prestato loro alcun tipo di soccorso, tranne un peschereccio che gli avrebbe fornito cibo e acqua potabile.

La Procura

di Agrigento ha aperto un’inchiesta contro ignoti e riguarda, allo stato, l’ipotesi di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.Il prefetto della città dei templi, Umberto Postiglione, invierà una relazione al ministero dell’Interno Roberto Maroni: “Fa parte delle normali procedure che vengono attivate ogni qual volta si verifica uno sbarco. – spiega il titolare del Viminale – La segnalazione è arrivata da Malta al Gruppo aeronavale della Guardia di Finanza di Messina che l’ha subito girata a Lampedusa. Immediatamente sono uscite le motovedette che hanno soccorso i cinque, che sono stati subito portati al molo Favaloro e sottoposti al triage sanitario. Sulla barca – ha detto ancora il prefetto – i finanzieri non hanno trovato tracce di altre persone. Poi hanno raccontato della traversata durata tre settimane e della morte degli altri compagni e di questo si sta occupando l’autorità giudiziaria”.

Intanto, molte associazioni parlano di violazione dei diritti umani, come ha sottolineato monsignor Bruno Schettino, presidente della Commissione episcopale per le migrazioni e arcivescovo di Capua: “E’ una grave offesa all’umanità e al senso cristiano della vita. Si percepisce un senso di povertà dell’umanità, non c’è attenzione verso l’altro, verso gente che è in fuga dalla guerra, dalla miseria, dalla povertà in cerca di serenità e di pace. Dobbiamo superare le distinzioni di parte – ha concluso – e affrontare il problema nella sua globalità il primato dell’uomo serve a costruire un’umanità rinnovata. Io per esperienza personale mi prodigo molto in favore degli immigrati, non abbiamo bisogno di declamazioni di principi ma di esperienze concrete forti”.

Duro anche il commento del quotidiano dei vescovi “Avvenire” che parla di “Occidente a occhi chiusi che non vuole vedere i barconi di clandestini, così come durante il nazismo nessuno vedeva i treni pieni di ebrei diretti ai campi di concentramento”.

E dopo un tale tragedia s’infiamma la polemica tra maggioranza ed opposizione in relazione alla politica sull’immigrazione con il segretario del Pd Dario Franceschini che chiede al Governo di riferire in parlamento: “Provo orrore davanti al racconto dei cinque eritrei sopravvissuti al lungo viaggio disperato verso l’Italia. Una nuova terribile strage nei nostri mari. Se, come tutto lascia prevedere, ci sarà la conferma dei 75 annegati, dei venti giorni passati alla deriva nella battutissima e sorvegliatissima zona del canale di Sicilia si porranno terribili domande. Una cosaè il contrasto all’emigrazione clandestina tutt’altraè il mancato rispetto dei diritti umani e delle regole internazionali, dell’obbligo al soccorso in mare a chi rischia la morte”.

Concordi anche il deputato dell’Idv Sonia Alfano, il segretario del Prc Paolo Ferrero, l’ex ministro dell’Interno Enzo Bianco e il capogruppo Idv alla Camera Massimo Donadi che hanno espresso la loro indignazione e chiedono spiegazioni in merito.

Ma non si fa attendere la replica del Pdl che, in attesa di un intervento del Viminale, ha rimandato ad una maggiore prudenza: “Questo episodio – ha detto Isabella Bertolininon può consentire alcuna speculazione da parte dell’opposizione. Tentare di far passare il concetto che naufraghi siano stati volutamente lasciati al loro destino da parte delle forze adibite ai pattugliamentiè inaccettabile”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico