Casal di Principe - San Cipriano - Casapesenna

Rifiuti, Schiavone invoca Commissione paritetica

Vincenzo SchiavoneCASAL DI PRINCIPE. Il consigliere di opposizione di “Alba Nuova”, Vincenzo Schiavone, interviene ancora sull’argomento della raccolta differenziata dei rifiuti.

“Cari Cittadini dovete sapere che nel ‘Contratto per la Raccolta Integrata nel Comune di Casal di Principe’ stipulato tra il nostro Comune e il Consorzio Unico di Bacino delle Province di Napoli e Caserta Articolazione Ce2, vi è l’articolo 9 che s’intitola Verifica Gestione che così recita: ‘… Al fine di verificare periodicamente la qualità del servizio prestato e di valutare eventuali proposte migliorative, sarà costituita una Commissione paritetica composta da tecnici dell’Articolazione Ce2 e da rappresentanti della Amministrazione Comunale. La Commissione si riunirà con cadenza mensile o su richiesta dell’Amministrazione; le risultanze delle riunioni saranno verbalizzate e trasmesse al Sindaco…’.

Come si capisce chiaramente questo articolo è il solo e unico che permetteva al Comune di avere dei suoi rappresentanti che potevano controllare direttamente il servizio che ci veniva dato, ma il punto forte di questo articolo consiste proprio nel fatto che all’interno della commissione vi doveva essere anche la presenza di responsabili del Consorzio, ciò vuol dire poter controllare l’effettivo servizio in tempo reale e muovere le dovute osservazioni direttamente ai rappresentanti della controparte (Consorzio).

Accanto a questo vantaggio di un rapporto diretto tra i rappresentanti del Comune e quelli del Consorzio si presentava anche la possibilità di un rendiconto mensile, nella gestione ordinaria della raccolta rifiuti, ma era possibile soprattutto nei momenti di crisi riunire tutti i giorni tale organo decisionale e riportare al Consorzio tutte quelle lamentele che oggi gli esponenti dell’Esecutivo Cristiano lanciano inutilmente verso il disservizio datoci dall’Ente Consortile. Quindi, appena ho letto il su citato articolo, ho capito subito che dalla costituzione di questa Commissione Paritetica noi Cittadini di Casal di Principe, ne potevamo solo trarre dei vantaggi diretti e immediati.

Allora tenendo conto di tutto quanto detto ho presentato la mia interrogazione al Sindaco, chiedendo se questo importantissimo organo di controllo fosse stato costituito, ma la risposta che mi è stata data è: ‘… In merito al sollecito /segnalazione di cui in oggetto e relativa a interrogazione consiliare con la quale si chiede notizie circa la costituzione della commissione paritetica di cui all’art. 9 del contratto di raccolta integrata, si precisa che avendo il precitato contratto una durata temporanea nelle more degli esiti di gara ad evidenza pubblica in corso di definizione, nelle more della costituzione delle società provinciali, per ragioni sottese all’economicità e all’efficacia dei provvedimenti amministrativi, l’adempimento sollecitato verrà ottemperato nell’ambito contrattuale da stipularsi con il nuovo soggetto aggiudicatario del servizio di raccolta integrata del Comune…’.

Queste parole si commentano da sole, da esse si ha l’idea della perfetta rappresentazione della mancanza di competenze, di capacità decisionale e della famosa demagogia. Adesso, rileggendo bene le poche frasi che compongono la nota del Sindaco si risponde che tale commissione non è stata nominata per diversi motivi, primo tra tutti si tira fuori che il contratto ha una durata temporanea, ma anche se per ipotesi fosse durato un solo mese in condizioni di normalità il Sindaco aveva l’obbligo di nominare questa Commissione per permettere la vera verifica di gestione e il vero controllo dello svolgimento del servizio, non lo ha fatto invocando il secondo motivo quello dell’economicità, che in questo caso si tiene in considerazione, ma quando si sono acquistati i motorini per i vigili, che oggi giacciono abbandonati all’ingresso del Comune senza essere utilizzati non si è badati alla spesa e come in altri casi.

Infine, il Sindaco conclude la missiva dichiarando che si provvederà all’adempimento sollecitato in luogo della stipula del contratto con il nuovo soggetto aggiudicatario. Insomma tanto si poteva fare, ma purtroppo non si è fatto. Inoltre, avendo partecipato alla Commissione Paritetica del 5 agosto scorso, in cui ho avanzato la richiesta al Sindaco di istituire questo organo di controllo fondamentale per la verifica di gestione del servizio di raccolta dei rifiuti e tutti i componenti presenti alla riunione l’hanno accettata e sottoscritta.

Ora ci resta solo da sperare che in questi giorni, alla luce di questa mia nuova richiesta accettata da tutti si proceda alla sua nomina”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico