Sessa Aurunca - Cellole

Luoghi della memoria, Calenzo: Abbiamo coniugato qualità e quantit&agrave

 SESSA AURUNCA. Cala il sipario sulla XXVII edizione de “I luoghi della memoria”. In esclusiva per l’estate in Campania, dopo i successi ottenuti in Italia e all’estero, la città di Sessa Aurunca, dal 6 al 28 luglio,…

…ha ospitato una vetrina pressoché completa dei lavori “da camera” realizzati da Teatri Uniti e da Onorevole Teatro Casertano. Le performance hanno segnano la rinnovata linea culturale e artistica della rassegna diretta da Tonino Calenzo del gruppo teatrale Aurunkatelier. Patrocinata dall’assessorato alla cultura, al turismo e allo spettacolo del comune di Sessa Aurunca, l’edizione 2009 ha visito sul palco, montato nel meraviglioso giardino del Convitto nazionale “Agostino Nifo”, artisti di fama nazionale, fra i quali Andrea Renzi, Francesco Saponaro, Chiara Baffi, Licia Maglietta, Enzo Moscato, Tony Laudadio, Enrico Ianniello e Sabrina Marciano. “

Come dissi il 2 luglio in conferenza stampa – esordisce Calenzo –, pur avendole seguite tutte, l’edizione di quest’anno era per me una sorta di secondo battesimo. Grazie alla collaborazione con Teatri Uniti e con Otc, “I luoghi della memoria” hanno abbandonato i nomi televisivi, dal cartellone facile, e hanno ospitato attori, registi, musicisti che qualcuno definisce di nicchia, anche se è una definizione che a me non piace. Ciò nonostante – prosegue Calenzo –, abbiamo avuto un riscontro di pubblico eccezionale, con centocinquanta abbonati, che ringrazio, e con il tutto esaurito ogni sera. Un successo, insperato alla vigilia, che divido con il sindaco di Sessa, Luciano di Meo, con l’assessore alla cultura, Paolo Gramegna, con Angelo Curti di Teatri Uniti, con Tony Laudadio di Otc, con il gruppo teatrale Aurunkatelier e con tutti coloro che, a vario titolo, hanno contribuito alla buona riuscita della manifestazione, tra le più longeve di Terra di Lavoro”. Complice del successo è stata anche una campagna biglietti alla portata di tutti. “È stata una scelta condivisa – precisa Calenzo –, nel rispetto del pubblico e della crisi economica che stiamo vivendo. Un abbonato, con soli 6 euro a sera, ha visto nove spettacoli di indiscussa qualità”. Per il futuro, il direttore artistico coltiva una speranza. “Mi auguro – conclude Calenzo – che il sodalizio con Teatri Uniti e con Otc continui e che “I luoghi della memoria” travalichino i confini provinciali, diventando un appuntamento immancabile per chi ama il teatro e lo spettacolo in Campania!”.

pubblicità

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico