Sessa Aurunca - Cellole

Gino Curcione e la sua “scostumatissima” tombola

Gino Curcione SESSA AURUNCA. Ultimi due, imperdibili, appuntamenti della XXVII edizione de “I luoghi della memoria” a Sessa Aurunca.

Sabato, 25 luglio, alle 21, l’istrionico Gino Curcione delizierà il pubblico del Convitto nazione “Agostino Nifo” con la sua “scostumatissima” e irriverente tombola napoletana. Un escursus, colto e divertito al contempo, sulla cabala e sulla numerologia all’ombra del Vesuvio. Nei panni di una procace popolana, un po’ fattucchiera e un po’ bambola, Curcione, interprete di teatro e apprezzato attore di cinema per Mario Martone, Antonietta De Lillo e Pappi Corsicato, proporrà un grande happening linguistico, capace di restituire con una travolgente afffabulazione il più palpitante vissuto dei vicoli dei Quartieri Spagnoli.

Martedì 28 luglio, invece, gran finale con un maestro indiscusso della drammaturgia italiana, Enzo Moscato. Il suo “Compleanno” è uno spettacolo dedicato alla memoria di Annibale Ruccello, giovane regista e attore tragicamente scomparso nel 1986. Il testo sviluppa il doppio tema incrociato dell’assenza e del delirio, intesi entrambi come produzioni fantasmatiche fatte di parole, suoni, visioni, gesti, e mirati a colmare il vuoto, l’inanità dell’esistenza. Una specie di esercizio quotidiano del dolore, del controllo e di elaborazione della pulsione di morte, senza assumerne, però, le condotte autodistruttive, ma sorridendone, talvolta godendone, come una festa, un ciclico ricorrere di affinità elettive, di sconvolti, teneri ricordi.

“I luoghi della memoria”, rassegna di teatro, musica e spettacolo diretta da Tonino Calenzo del gruppo teatrale Aurunkatelier e patrocinata dall’Assessorato alla Cultura, al Turismo e allo Spettacolo del Comune di Sessa Aurunca, grazie alla collaborazione con Teatri Uniti e con Onorevole Teatro Casertano, quest’anno ha visto impegnati a Sessa Aurunca numerosi artisti di spessore nazionale, fra i quali Andrea Renzi, Francesco Saponaro, Tony Laudadio, Enrico Ianniello, Chiara Baffi e Licia Maglietta.

Le performance, finora tutte applauditissime, hanno segnato, icasticamente, la rinnovata linea culturale e artistica della manifestazione.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico