Maddaloni - Valle di Maddaloni

Ladri di caldaie, arrestato altro responsabile del furto del 21 maggio

Salvatore DentinoMADDALONI. I carabinieri della stazione di Maddaloni hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di Salvatore Dentino, 27 anni, di Acerra (Napoli), con precedenti per reati contro il patrimonio, con l’accusa di furto aggravato in concorso.

L’arresto scaturisce dalle indagini svolte a seguito del tentato furto della caldaia di un appartamento, avvenuto a Valle di Maddaloni il 21 maggio scorso. Nel corso di quella nottata uno dei due autori del furto, Marco Catalano, anch’egli con precedenti di polizia, era stato arrestato, mentreDentino si era dato rocambolescamentealla fuga. I militari erano riusciti a identificarlo già nell’immediatezza dei fatti, ma il giovane si era reso irreperibile e non aveva fatto ritorno a casa propria per qualche giorno. Dentino è stato ristretto presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere.

Nella notte di giovedì 21i carabinieri della Stazione di Maddaloni arrestarono Marco Catalano, 28 anni, e denunciato a piede libero il complice Salvatore Dentino.

I due giovani avevano pianificato una trasferta a Valle di Maddaloni allo scopo di rubare una caldaia a gas nuova di zecca, montata nel cortile di un appartamento al piano terra, nel centro di Valle di Maddaloni, in via Ortole. Così, dopo aver parcheggiato la loro auto sulla strada principale, scavalcavano il cancello del cortile condominiale ed iniziavano a smontare la caldaia dal muro, svitando tutti gli attacchi fino a staccarla completamente, poggiandola in terra. Gli era rimasto da scollegare soltanto l’ultimo filo elettrico.

la caldaia diveltaAlcuni ragazzi di Valle di Maddaloni, però, avevano notato l’auto dei due giovani acerrani, poiché non era una vettura conosciuta nel paese, e si insospettivano, così si avvicinavano ad uno dei due ragazzi che stava tornando verso la macchina. A quel punto, avvedutisi di cosa stava accadendo, chiamavano i carabinieri ed immediatamente bloccavano il giovane, successivamente identificato in Catalano, mentreDentino si dava precipitosamente alla fuga per le campagne limitrofe, perdendo per stradala sua giacca ed una scarpa.

I carabinieri, giunti immediatamente sul posto, verificavano la dinamica dei fatti e simettevano subito alla ricerca del “cenerentolo in fuga”, desiderosi di “restituirgli la sua scarpetta da ginnastica”; ma il giovaneriusciva a far perdere le proprie tracce, avvantaggiandosi del buio e della fitta macchia mediterranea. Nel corso della perquisizione dell’auto, però, i militari rinvenivano i documenti dell’ignoto fuggitivo, riuscendo così ad identificarlo compiutamente. Dentino, ovviamente, non faceva ritornoa casa propria.

Successivamente i carabinieri interrogavano i testimoni e procedevano all’arresto di Catalano ed alla denuncia in stato di irreperibilità di Dentino, con l’accusa di tentato furto, nonché alla restituzione della caldaia al legittimo proprietario ed al sequestro dell’autovettura, una Fiat Punto. L’arrestato nella mattinata di giovedìveniva condottonelle aule del Tribunale di Marcianise e, dopo l’udienza di convalida dell’arresto, tradotto in carcere.

In un contesto generale in cui l’abitudine è quella di voltarsi dall’altra parte per omertà e di pensare che ciò che capita agli altri non ci riguarda, non si può omettere di sottolineare come i ragazzi di Valle di Maddaloni abbiano dimostrato coraggio, senso civico e vivo interesse per il loro piccolo paese, sentendosi investiti della responsabilità di intervenire per impedire la commissione di un furto e di chiamare immediatamente i carabinieri affinché il reo fosse assicurato alla giustizia.



You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico