Caserta

Europarlamento, a Iovine deleghe :Occupazione e Agricoltura

 CASERTA. Da Bruxelles, ancora ottime notizie per l’intero Meridione d’Italia.

Il casertano Vincenzo Iovine, uomo di punta della nuova idea di meridionalismo che si incastona in maniera perfetta quadro del rinnovato e moderno modo di intendere la vita e i rapporti umani, sia a livello particolare che su scala universale, è stato chiamato a rivestire importanti ruoli in ben due Commissioni Europee. L’unico politico di Terra di Lavoro a sedere tra i banchi della massima assise deliberante del cosiddetto Vecchio Continente sarà membro effettivo della Commissione “Occupazione e Affari Sociali” e membro sostituto della Commissione “Agricoltura e Sviluppo Rurale”. Per Iovine, che si è sempre proclamato fiero delle sue origini e pronto a dare il meglio di se stesso per il bene e il meglio di quanti hanno creduto e credono nelle sue potenzialità. Si tratta di un successo strabocchevole., di un traguardo che premi su tutta la linea il suo personale programma di approccio all’Europa. Lui che, per le attività che svolge, ha sempre dimostrato di non avere timore alcuno ad affrontare sistemi di lavoro difficili e complessi pur di ottenere il risultato voluto, ha scelto due Commissioni “toste”, che affrontano la dimensione sociale della grave crisi economica di oggigiorno. Va rimarcato, però, che, malgrado la situazione sia quello che è, l’Unione Europea, proprio in quest’ultimo periodo di crisi strabordante, ha intensificato gli sforzi per promuovere l’occupazione e l’inclusione sociale nell’ambito delle strategie volte ad affrontare, nel migliore dei modi, la minacciosa congiuntura negativa che incombe sull’economia e sulla finanza a livello non solo europeo. In questo delicatissimo contesto, Iovine, fiero rappresentante del Sud all’Europarlamento, avrà l’arduo compito di tutela occupazionale. Come lui stesso dichiara “voglio un piano di ripresa chiaro. Basta con l’enigmismo politico.

La commissione Europea ha proposto di semplificare i criteri del sostegno ai fondi. Appunto. Usiamoli nel migliore dei modi. Dobbiamo sviluppare sia strategie atte a fornire microcrediti alle persone che hanno perso il lavoro ed intendono avviare in proprio una piccola impresa o che più semplicemente vogliono creare attività, sia ai tanti lavoratori in esubero a trovare nuova occupazione. Altrettanto importante e per me onorifico, far parte della Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale, una realtà che fa parte di me, per la mia provenienza. In questa commissione mi sento chiamato direttamente in causa. L’importanza di questa attività in Europa e la preponderanza dell’attività agricola del nostro Mezzogiorno mi fa da sempre essere attivo in tale settore. Come trascurare i nove milioni di persone in Europa che lavorano nel settore con un indotto di altri nove? Ma l’agricoltura non è fine a se stessa, significa anche salvaguardia del territorio e del paesaggio. Quindi, diamoci da fare tutti. Raggiungeremo prima l’ambito traguardo”. Insomma, in questo momento guardiamo con fiducia all’Europa e a Stasburgo, Due Commissioni di peso e prestigio per Iovine e la sua gente, prosieguo naturale della sua più che qualificante carriera lavorativa e del suo eccezionale profilo umano. Concludendo, grazie ad un europeista del calibro di Vincenzo Iovine, un grande contributo dal Sud per un decisivo sviluppo dell’occupazione e agricoltura.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico