Sorrento - Vico E. - Massa Lubrense - Piano di Sorrento - Sant’Agnello - Meta

Sorrento, formalizzata costituzione di nuovo movimento civico

 SORRENTO. Formalizzata la costituzione di un nuovo movimento civico per Sorrento.

L’iniziativa politica giunge dopo l’ottimo risultato ottenuto durante le giornate di informazione alla Regina Giovanna, ed entra ufficialmente all’interno dello scenario politico sorrentino. Il neonato movimento è costituito da un nutrito gruppo di giovani e da un altrettanto consistente aggregazione di pensionali, che hanno deciso di unire le proprie forze allo scopo di migliorare le sorti della nostra amata Sorrento. I due coordinatori che in questa fase rappresentano il neonato movimento, che a breve presenterà il suo proprio programma elettorale sono Luigi Di Prisco e Luigi Milano. Grande successo le giornate di sensibilizzazione e le visite guidate alla Regina Giovanna che hanno battezzato la prima uscita pubblica del movimento con l’intento di salvaguardare e tutelare la memoria storica – archeologica di Sorrento.

“Come testimoniano le riuscite iniziative delle scorse settimane ai Bagni della Regina Giovanna – afferma Luigi Di Prisco – lo scopo principale del movimento è quello di coinvolgere tutti i nostri concittadini, specie i più giovani, nello sviluppo della nostra meravigliosa città e nella tutela delle sue straordinarie risorse. Punti chiave saranno la difesa costante delle classi più deboli, la valorizzazione del nostro patrimonio artistico, culturale ed ambientale, e l’incentivazione del sostegno all”occupazione giovanile. Il connubio tra le due componenti, giovani e pensionati, non è casuale. L’entusiasmo e le energie di noi ragazzi e l’esperienza dei più saggi anziani rappresentano, unite insieme, una garanzia unica di impegno e di perseveranza, di equilibrio e di affidabilità”.

D’accordo è il signor Luigi Milano che aggiunge con convinzione “I giovani sono il futuro, lo sanno e lo dicono tutti. Ma pochi hanno il coraggio di dare credito e fiducia ai loro sogni ed ai loro progetti. Noi pensionati abbiamo il dovere morale di credere nei nostri ragazzi, di mettere a loro disposizione la nostra esperienza, e di lasciare in mani salde e lungimiranti il timone della nostra Sorrento. Ma abbiamo anche il diritto di chiedere loro un aiuto importante per vedere rispettate le nostre esigenze e soddisfatti i nostri bisogni, così spesso dimenticati dalle amministrazioni cittadine”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico