Sant’Arpino

Giunta Di Santo, Pd: “Operazioni di facciata”

PDSANT’ARPINO. Il Partito Democratico torna sul bilancio di questo primo anno di Giunta Di Santo e in coincidenza dell’entrata della stagione estiva esprime, in un volantino distribuito domenica, una forte critica alle iniziative assunte dall’amministrazione.

“Finalmente – inizia il volantino – il grande Illusionista(ndr- si riferisce al sindaco Di Santo) getta la maschera ed ammette di essere il principe dell’Inganno, l’incantatore di serpenti che con il flauto magico illude la gente e di questo se ne fa anche un vanto.

Il neo Principe di Casador per combattere la ‘miseria’ della sua (dis)Amministrazione si inventa solo operazioni di facciata. L’ultima trovata la pitturazione della facciata, appunto, della scuola media ‘V.Rocco’. Ma lo sa che i ragazzi vivono nelle aule piene di buchi e muffa per le copiose infiltrazioni d’acqua di questo inverno? E che dire delle facciate laterali che cadono a pazzi?

Di operazioni di facciata ne abbiamo già vista tante in questo anno di misera (dis)amministrazione. Pulizia del campo sportivo costata circa 50.000 euro per nascondere i rifiuti pericolosi, tossici e nocivi. Molti dei soldi spesi sono stati pagati due volte. Facciata dell’Ecocentro per 10.000 euro e l’Ecocentro non funziona (oltre ai 100.000 euro per tutto il resto). Eliminate la campane per il vetro per l’operazione di facciata di eliminare i cumuli di buste. E le buste sono ancora tutte lì a degradare. La facciata e l’intero ex Municipio di Atella di Napoli appena ristrutturati sono già in stato di abbandono. Fiorellini nelle aiuole e nei parchi già scomparsi o seccati. Un’altra operazione non solo di facciata, ma per favorire qualche fioraio di turno. La grande operazione di facciata delle luminarie. Costata 22.000 euro (ricordate la facciata del palazzo ducale illuminata?) e non si sa che fine hanno fatto le luminarie.

Operazione di facciata è stato perfino il trasloco degli uffici comunali nel palazzo Ducale, costato, si dice, solo di pubblicità oltre 5.000 euro e con il riuso di arredi vecchi e malandati, depauperando il bene architettonico appena recuperato. E che dire delle fioriere nel cortile e la pianta d’ulivo prima in piazza, poi scomparsa. A proposito, chi sa dire dov’è?

Operazione di facciata è fare l’accordo per la realizzazione di un parcheggio di 800 mq a ridosso del Palazzo Ducale, per pochi posti auto e per nascondere l’inizio della cementificazione del centro storico. La rateizzazione dei tributi, le lettere sul condono edilizio (nasconde la fretta di far cassa!), la tassa sul metano, prontamente eliminata, la tassa sul cimitero (altro metodo per far cassa mettendo le mani nelle tasche dei poveri cittadini concessionari, facendo pagare altri diritti di segreteria per un atto di concessione già definito!).

Le assunzioni alla Multiservizi con un concorso di facciata. La devoluzione dell’indennità di carica del Sindaco ad una associazione di ‘famiglia’. In questo primo anno di (dis)amministrazione non c’è stata una, una sola, nuova iniziativa. Avete vissuto di rendita sulle spalle del lavoro precedente. Non siete stati neanche capaci di par partire la raccolta differenziata e non avete mantenuto uno solo, uno soltanto, degli impegni assunti in campagna elettorale.

Altro che politica del fare. Tutto quello che avete saputo fare – conclude l’affondo del Pd – sono state solo operazioni di facciata e con i soldi dei contribuenti di Sant’Arpino. Insomma, la politica del Fare ‘facciate’ per nascondere la politica dell’Azienda Forniture del Fare, il cui acronimo politicamente parlando diventa l’A.f.fare”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico