Mondragone - Carinola - Falciano del Massico

Nasce Legambiente Mondragone, il 15 giugno la presentazione

 MONDRAGONE. Lunedì 15 giugno, alle ore18, al Museo Civico di via Genova, si terrà la presentazione della sezione di Legambiente di Mondragone.

Prevista lapresenza del direttore di Legambiente Campania, dottor Raffaele Del Giudice.

In una nota, Legambiente Mondragone afferma: “Da troppo tempo il nostro paese vive nel degrado, da troppo tempo le enormi potenzialità del nostro territorio vengono messe in secondo piano, da troppo tempo il nostro mare è inquinato per colpa dell’incuria nella gestione di un depuratore che ormai è ridotto a rudere dall’utilità ormai nulla.

Le inestimabili risorse paesaggistiche di cui dovremmo poter disporre noi cittadini in primis ed i turisti in prospettiva futura, ricchezze che fornirebbero senz’altro la necessaria appetibilità del popolo vacanziero verso i nostri territori, giacciono in uno stato in cui risultano inutilizzabili ed inespresse nelle loro potenzialità, risultando in un turismo stagnante o peggio: in una fase involutiva.

Partendo da questi presupposti ed approfittando del particolare momento storico in cui viviamo, un gruppo di amici ha deciso di ridare vita al Circolo Legambiente di Mondragone. Una esperienza che molti ricordano per le battaglie vinte (Pontile, inquinamento elettromagnetico ecc) e per la sensibilità, oggi meno viva, alla salvaguardia del nostro territorio con le sue bellezze naturali, il suo paesaggio, il suo apparato enogastronomico.

Difatti, Legambiente (associazione apolitica e apartitica) ha il compito primario di proteggere il nostro mare dall’ inquinamento, che da anni lo caratterizza, difendere la natura in tutte le sue componenti, compresa la salvaguardia dei nostri prodotti alimentari.

Compito di Legambiente è anche quello di fare da ponte tra i cittadini e le istituzioni affinché nessuno si senta solo nei suoi problemi e di dare una mano alla cultura della legalità, ossia ad una cultura del vivere bene,in simbiosi con la natura.

Tutto questo ha conseguenze sul futuro economico di Mondragone, che sarà legato e, non può essere altrimenti, allo sviluppo del comparto turistico. Il turismo può e sarà una conseguenza del nostro lavoro se saremo supportati dalle istituzioni locali alle quali chiediamo il massimo appoggio.

Ovviamente, tutto questo, va aldilà degli obiettivi primari di una associazione come Legambiente, ma bisogna sottolineare come salvaguardando il nostro territorio tutti possono guadagnarci, le istituzioni e la loro immagine, gli imprenditori privati, i cittadini con un continuo scambio culturale con altre persone, la stessa natura.

E’ dovere delle istituzioni e dell’ intera cittadinanza dimostrare che anche qui, al sud, è possibile vivere bene.

Con lo scandalo dell’immondizia la nostra immagine si è sempre più deteriorata, anche se non dovremmo essere solo noi a vergognarci perché tutti sappiamo bene che molti fusti di materiali inquinanti ci sono stati ‘recapitati’ dal Nord Italia, ma, come si dice, quello che è fatto è fatto; è quindi necessario pensare al futuro e noi già lo vediamo e vorremmo che anche voi riusciste a vederlo in maniera nitida, in ogni sua componente.

Forse tutto ciò sembrerà utopistico, ma così non è, se pensiamo che in altri luoghi tutto questo è già reale e se pensiamo che in fondo eravamo e siamo pur sempre la culla della civiltà a dispetto di quanti, denigratori di ‘varia’ provenienza, affermano il contrario.

Ci piace concludere ricordando con Luciano De Crescenzo, che la filosofia Greca si è sviluppata dalla consuetudine del vagabondare qua e là, tipica della gente del Sud, e ci piace altresì pensare che un giorno tanta civiltà venga riespressa ai massimi livelli, Noi oggi possiamo e dobbiamo ricominciare dall’ambiente: quindi, tutti al lavoro”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico