Campania

NapoliFilmFestival, 100 volti di cinema a Castel Sant’Elmo

Roberto Redford nei Tre giorni del CondorNAPOLI. Da Silvana Mangano ne Il Processo di Verona a Roberto Redford nei Tre giorni del Condor. Da Alberto Sordi e Monica Vitti in Polvere di Stelle a Mia Farrow in Uragano.

Sono solo alcuni dei tanti volti di cinema impressi sulla carta fotografica da Alfonso Avincola, uno dei fotografi di scena italiani più conosciuti al mondo, a cui il NapoliFilmFestival dedica quest’anno un’ampia mostra. Nelle sale di Castel Sant’Elmo gli spettatori della rassegna napoletana potranno infatti fare un lungo viaggio in bianco e nero negli oltre cento scatti effettuati da Avincola durante un ciak o in una pausa di lavorazione.

La mostra si intitola “Un fotografo per il cinema: 100 scatti di Alfonso Avincola sui set di Dino De Laurentiis” e mostra il lavoro di Avincola dal 1960 al 1975, periodo in cui lavorò come fotografo ufficiale del produttore italiano.

Avincola, nato a Roma il 20 giugno del 1931, dopo l’apprendistato con Sandro Vespasiani, famoso reporter degli anni ’50, passa infatti all’Italy’s News Photos di Enzo Vitale cominciando poi a lavorare su alcuni grandi set cinematografici a cominciare da Ben Hur di William Wyler e Anna di Brooklyn di Vittorio De Sica. Frequentando il mondo del cinema entra in contatto con Dino De Laurentiis e dal dal 1960 assume il ruolo di fotografo ufficiale del produttore. Da allora lavora sul set di circa ottanta film, tra Stati Uniti (I tre giorni del condor di Sidney Pollack e Uragano di Jan Troell) e Italia. Alla fine degli anni ’70 lascia definitivamente Roma e si trasferisce negli Usa, dove vive ancora oggi. Lunghissima la lista dei film a cui ha lavorato, fianco a fianco con grandi registi, da Carlo Lizzani (Il gobbo a Banditi a Milano, Il processo di Verona), Mauro Bolognini (La giornata balorda, Libera amore mio), Ettore Scola (Il più bel giorno della mia vita), Antonio Pietrangeli (Il magnifico cornuto), Luigi Comencini (Lo scopone scientifico), Alberto Sordi (Polvere di stelle, Finchè c’è guerra c’è speranza), Mario Bava (Diabolik), Luchino Visconti (Lo straniero) e Mario Monicelli (Camera d’albergo). La mostra di Avincola sarà arricchita con manifesti d’epoca del collezionista Alberto Bruno.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico