Napoli Prov.

Ischia, scarichi delle fogne non depurati in mare: 5 arresti

Spiaggia dei Maronti - IschiaNAPOLI. I carabinieri del Nucleo operativo ecologico hanno emesso 15 provvedimenti cautelari nei confronti di 13 persone (5 agli arresti domiciliari e 8 con obbligo di firma) per smaltimento illecito di fanghi e reflui provenienti dal sistema fognario.

Sequestrata, inoltre, la società “Aragona Servizi Ecologia” che, secondo le indagini dei militari, sversava direttamente in mare aperto sull’isola di Ischia, davanti alla splendida spiaggia dei Maronti, le acque delle fogne e i fanghi senza depurarli e trattarli.

Indagati anche sessanta albergatori dell’isola che si sarebbero accontentati di una mera bolla di fattura che permetteva alla ditta di prelevare le acque reflue dalle loro strutture e di scaricare il tutto nei tombini adiacenti al mare, favorendo quindi l’illecito smaltimento.

In mare sarebbero finiti anche i liquami dal centro emodialisi dell’Asl Napoli 2 che venivano miscelati con rifiuti non pericolosi derivanti da fosse settiche, recandogli la dicitura di “rifiuto non pericoloso”.

Agli domiciliari sono finiti: Lucia Pesce, socio amministratore della società ‘Aragona servizi Ecologia’, Vincenzo Pesce, operaio dell’azienda, Giuseppe Pesce, socio accomandatario della società ‘Uniterra’, Carolina Migliozzi, responsabile tecnico della Aragona e Giuseppe Di Lauro, chimico esterno della società.

L’operazione “Dirty Island” (“Isola sporca”), eseguita tra Ischia e Procida,è stata supportata da intercettazioni telefoniche e ambientali che hanno consentito alla procura di Napoli di costruire le accuse di smaltimento illecito di rifiuti pericolosi e non, e devastazione dell’ecosistema marino per trarre ingiusti profitti dai due comuni isolani che pagavano le rispettive quote affinché le acque e i fanghi fossero trattati a norma di legge.

VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico