Succivo

I Lions Caserta visitano i monumenti dell’Antica Atella

Lions SUCCIVO. Una nutrita rappresentanza dei Lions di Caserta visiterà, sabato 23 maggio, varie testimonianze storico-artistichedel territorio di Atella.

Organizzata dal socio avvocato Gaetano Pastena e supportata nei luoghi interessati dall’ illustrazione di Giuseppe Petrocelli e di Andrea Russo dell’Archeoclub Atella, la visita guidata prenderà il via alle ore 9 dalla “Torre e Masseria di Teverolaccio”.Qui, tra l’altro, gli ospiti potranno fare anche un break/colazione.

Il giro, poi, proseguirà per Sant’Arpino dove, presso il locale cimitero, il gruppo dei Lions potrà vedere i resti della fornace romana del III sec.d.C. , ammirare la chiesa barocca di S. Francesco di Paola nonché “dare un’occhiata” al piccolo affresco medievale di una trecentesca Madonna delle Grazie.

Più tardi, i convenuti faranno tappa a Succivo, presso il Museo Archeologico dell’Agro Atellano, dove – anche con l’ausilio di personale della Soprintendenza – potranno ammirare, nei tre livelli dell’edificio ottocentesco, la ricca collezione di reperti “tombali” di varie epoche storiche del territorio atellano, a partire da quelle dell’ età del “bronzo finale” , da quelle del VII/VIII secolo a.C. (cantiere Us Navy di Gricignano), sino alle testimonianze più recenti e collegate direttamente alle fasi della nascita e dello sviluppo di Atella e del suo Ager.Lì si potrà fruire anche di una panoramica delle varie epoche antiche “illustrata” con pannelli foto-cartografici, che parlano dei periodi della preistoria e protostoria dell’ “ager atellanus” nonché di periodi ed aspetti del territorio collegati alla romanizzazione d’epoca repubblicana ed imperiale, sia antecedenti che posteriori ad essa. La visita, a Succivo, comprenderà una capatina anche alla locale Chiesa parrocchiale della Trasfigurazione, dove sono conservati i famosi “tondi ad olio” (apostoli, Gesù, evangelisti) del pittore accademico Tommaso De Vivo, nato ad Orta nel 1797, cui li commissionò, nel 1864, il Cavalier Federico Pastena, sindaco del paese.

Infine, i soci Lions raggiungeranno Orta di Atella per ammirare la Madonna degli Angeli (inizi sec.XV) e gli affreschi tardo-rinascimentali del chiostro inserito nel “seicentesco” convento francescano di san Donato.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico