Caserta

Personale, la bozza dell’amministrazione non convince i sindacati

Municipio di CasertaCASERTA. Martedì 5 maggio, presso l’aula consiliare del Comune di Caserta, si sono riuniti la Rsu e il sirettivo unitario di Cgil, Cisl e Uil, con la partecipazione dei segretari provinciali, …

… per discutere in merito alla bozza predisposta dall’Amministrazione Comunale riguardante il “Funzionigramma”, la Dotazione Organica ed il Piano Occupazionale 2009/2011. I segretari aziendali e i segretari provinciali, insieme a tutti i dirigenti sindacali, hanno convenuto che la bozza presentata dall’Amministrazione è riduttiva rispetto alla proposta che le organizzazioni sindacali avevano presentato nel giugno del 2007, in quanto il documento attuale presenta una riduzione delle risorse economiche accantonate e, in più, una forte riduzione dei posti da riservare al personale interno. La macrostruttura, così come ipotizzata, con le quattro aree di coordinamento, appare appesantita e poco razionale rispetto all’intero organigramma.

“Abbiamo dunque atteso tre anni per discutere in modo esaustivo di tutte le problematiche riguardanti i lavoratori ma il risultato non è affatto soddisfacente: il dato che emerge è quello di una grande confusione organizzativa, situazione mortificante per i lavoratori e ancor più per l’utenza privata di servizi qualificanti. Nella bozza infatti non vi è un accorpamento omogeneo delle aree, come dettato dalle vigenti norme e ciò, lo ribadiamo, non fa altro che creare un disordine nell’offerta. La proposta dell’Amministrazione in definitiva ci lascia perplessi perché molto lontana da quanto precedentemente affermato, anche rispetto al metodo adottato e soprattutto in vista di una condivisione del progetto di riammodernamento dell’Azienda Comune. Ciò che in definitiva va assolutamente chiarito è la motivazione dell’effettuare assunzioni esterne quando esiste un ordine del giorno approvato dal Consiglio Comunale che ha già stabilito le priorità e queste riguardano la Polizia Municipale, l’Assistenza, l’Igiene Ambientale. Insomma, vanno bene le assunzioni esterne se queste sono mirate e servono a coprire ruoli necessari e funzionali al buon andamento della macchina comunale. Male e immotivate invece quando queste vanno a ricoprire ruoli e posti inutili, quando il materiale umano necessario, già formato e preparato, è disponibile tra le fila dei dipendenti dell’ente ad un costo irrisorio. Lo stesso dicasi riguardo l’assunzione di 2 dirigenti esterni, il cui costo appesantirebbe di molto il bilancio relativo al personale. Bene hanno fatto, inoltre, le organizzazioni sindacali a mettere in evidenza il problema della categoria A, vale a dire quella relativa alle categorie più deboli, una categoria che in pratica non esiste più, una figura professionale che andrebbe riqualificata in quanto, nel corso degli anni, c’è stata, all’interno dell’ente comunale, una evoluzione delle figure professionali”.

Il sindacato intende, dunque, rivedere tutto l’assetto e l’organizzazione dell’ente, anche in funzione di un reale miglioramento dei servizi. L’incontro deciso per il giorno 20 maggio servirà a verificare se vi siano o meno le condizioni per un coordinamento teso a migliorare non solo il funzionigramma ma anche e soprattutto la dotazione organica ed il piano occupazionale 2009/2011.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico