Campania

Inchiesta Biopower, scarcertato ex assessore provinciale Capobianco

Franco CapobiancoCASERTA. L’ex assessore provinciale alle attività produttive, Franco Capobianco, coinvolto nell’inchiesta “Biopower”, è stato rimesso in libertà dopo l’interrogatorio da parte dei magistrati per mancanza di esigenze cautelari.

In carcere, invece, restano gli imprenditori romani Renzo Bracciali e Giuseppe Tombolillo e l’imprenditore casertano Giovanni Verazzo, mentre vanno ai domiciliari il funzionario regionale Fulvio Scia, il direttore dei lavori della centrale a biomasse di Pignataro Maggiore, Giuseppe Esposito, i funzionari del Genio Civile Mario Pasquarielo e Michele Testa, mentre viene rimesso a piede libero Gianluigi Fregosi. Nei giorni scorsi, a seguito dell’interrogatorio, era stato assegnato ai domiciliari Vincenzo Guerriero, dirigente del settore regionale attività produttive. Si attende, infine, la decisione dei giudici su Eugenio Di Santo, originario di Sant’Arpino, coordinatore della segreteria dell’assessore regionale alle attività produttive Andrea Cozzolino.

Articoli correlati

Truffa nel settore energetico, arrestato ex assessore provinciale Pd di Redazione del 28/04/2009

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Strasburgo, spari al mercatino di Natale: un morto e diversi feriti, killer in fuga - https://t.co/WWq0bxJJoX

Salvini: "Hezbollah terroristi". La Difesa: "A rischio soldati in missione Unifil" - https://t.co/BrXJ8mXGbZ

Roma, incendio in impianto rifiuti del quartiere Salario - https://t.co/NXgrncg1vi

Aversa, crisi mercatino natalizio: Palmiero chiede al sindaco di evitare raddoppio Tosap - https://t.co/BNmazr1vD8

Condividi con un amico