Villa Literno

Ipotesi scioglimento: 300 cittadini protestano sotto la Prefettura

 VILLA LITERNO. Sfidando la pioggia, trecento cittadini liternesi si sono ritrovati questa mattina davanti alla Prefettura di Caserta per manifestare contro la ventilata ipotesi di scioglimento del Consiglio Comunale di Villa Literno. foto-video

Fischietti, striscioni e slogan – urlati attraverso un megafono – per far sentire la propria voce nei piani alti del palazzo di piazzaVanvitelli. Uno dei cartelli recitava “Vogliamo la verità” e poi “Villa Literno libera dalla camorra” e “Il Prefetto scioglie, la camorra esulta”. Dopo circa due ore, intorno alle 12, una delegazione di cittadini, frai quali anche il Presidente del Consiglio Comunale Antonio Ciliento, è stata ricevuta dal viceprefetto Provolo, il quale ha assicurato massima attenzione alla vicenda: il Ministro dell’Interno Roberto Maroni sarà avvisato a breve con una nota.

 Al Ministro sarà inoltrata copia del documento, firmato da tutti i consiglieri comunali di maggioranza, con il quale viene affermata chiaramente la vocazione anticamorra dell’amministrazione comunale.

“Se il destino di una cittadinanza dipende da una scrupolosa valutazione delle circostanze, è doveroso, oltre che legittimo, chiederle di dedicare un tempo pure breve del suo prezioso impegno di Governo nella riserva di un più integrale e compiuto giudizio. La sensibilità per il tema della sicurezza e della legalità dimostrata dal Ministero dell’Interno sotto la sua direzione, con gli indiscutibili risultati raggiunti nella lotta al crimine organizzato, ha registrato sin dalla prima ora il corale applauso dell’Amministrazione, che ha visto nello Stato l’alleato indispensabile per uscire dal deserto della solitudine territoriale sul piano della lotta alla camorra. Oltre alle tante iniziative di pubblico dominio, La invitiamo ad approfondire soprattutto la conoscenza del profuso sostegno all’azione investigativa, testimonianza della vocazione anticamorra del nostro Comune. Facciamo appello alla sua sensibilità richiedendo di valutare la sufficienza e la specificità delle motivazioni al fine di evitare un ingiusto provvedimento”.

Intervista ad Antonio Ciliento

Manifestazione a Caserta

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico