Italia

Influenza suina: 152 morti. Oms aumenta a 4 livello allerta

 Cresce ancora il numero delle vittime dell’influenza suina. In Messico, infatti, i morti accertati sono 152.

Ad affermarlo è proprio il ministro della sanità Josè Angel Cordova che, durante una conferenza stampa, ha sottolineato anche che il virus potrebbe essere in una fase di recessione: il numero dei decessi sospetti è infatti in calo con 6 sabato, 5 domenica, 3 lunedì.

Intanto l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha innalzato a quattro il livello di pericolosità (su una scala di sei). Intanto altri casi di contagio arrivano dalla Cina, dove le autorità locali hanno posto sotto osservazione alcune persone sospette, e da Israele dove è stato confermato che un giovane Tomer Wajim, rientrato la settimana scorsa dal Messico, ha contratto la febbre suina ed è stato ricoverato in isolamento all’ospedale Laniado di Natanya, a nord di Tel Aviv.

In Spagna, dopo il caso accertato di lunedì se n’è aggiunto un altro a Valencia anche se il ministro della Sanità Trinidad Jimenez ha assicurato che le condizioni dei due contagiati sono buone e che potrebbero essere dimessi presto. La commissaria Ue alla Salute Androulla Vassiliou ha fatto il punto della situazione per quando riguarda l‘Europa: “I casi accertati sono tre e tutti si stanno riprendendo in modo soddisfacente. Ci sono altri casi sospetti e nei prossimi giorni ci aspettiamo che la situazione cambi. I Paesi Ue nei quali si sono presentati dei casi sospetti: Italia, Danimarca, Svezia, Germania, Repubblica ceca, Grecia e Irlanda. Un caso sospetto rilevato in Belgio si è rivelato non di febbre suina”.

Dopo i casi di sospetto a Venezia e poi a Pavia, l’allarme si è diffuso anche in Italia ma il sottosegretario alla Salute Ferruccio Fazio assicura che siamo preparati all’eventualità: “Che il virus della febbre suina arrivi anche in Italia naturalmente è possibile, anzi probabile. Noi siamo pronti all’eventualità. Soprattutto dopo l’influenza aviaria sono ormai anni che i Paesi si preparano a una pandemia. Ci sono sistemi ormai allertati e siamo fiduciosi. Saremo in grado di gestire la situazione”.

Da questa mattina, inoltre, è attivo il numero verde 1500 a cui i cittadini viaggiatori si potranno rivolgere per ricevere informazioni sull’influenza suina. Intanto la Farnesina sconsiglia, fino a nuovo avviso, viaggi in tutto il territorio della Repubblica Messicana che non siano strettamente necessari. E’ quantoscritto nell’annuncio pubblicato nella sezione Avvisi particolari del sito della Farnesina “Viaggiare sicuri”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico