Casagiove - Casapulla - Curti - San Prisco

Curti, l’Unicef coniuga arte e solidarietà

Emilia Narciso CURTI. Alla scuola media “G. Pascoli” si è tenutalapresentazione del progetto Unicef. Accanto al regista Bernardino Nacca, il dirigente scolastico Maria Bianco, il Presidente di Unicef Caserta Emilia Narciso, il sindaco di Macerata Campania Luigi Munnoed il protagonista della pièce Marcello Sagliano.

Teatro ed impegno civile insieme per la salvaguardia dei diritti umani. Con il protocollo d’intesa stipulato tra il comitato provinciale dell’Unicef di Caserta e la Nuova Compagnia di teatro popolare di Macerata Campania, ha preso forma un nuovo e fecondo connubio di arte e solidarietà.

Partendo dalla commedia, in lingua italiana e in vernacolo, la compagnia teatrale, costituita da giovani talenti che si sono già distinti per la messa in scena di commedie come “Bene mio Core mio”, “Na’ Santarella”, “Tetillo”, ricorre all’espressione artistica per sostenere chi, come l’Unicef, con la presenza della prima linea, è al servizio dei popoli meno fortunati. Con la commedia “Cardamone giovane in pensione” in programma al teatro Fellini di Curti il prossimo 17 aprile, saranno raccolti fondi da destinare ai progetti che l’Unicef sta attuando nella striscia di Gaza, la sanguinante fascia territoriale che ancora una volta, proprio di recente, è stata scenario di scontri. L’Unicef presente sul campo tenta faticosamente di alleviare le sofferenze della popolazione civile palestinese, stremata non soltanto dalle conseguenze dirette della guerra ma anche dal blocco ai valichi della frontiera. Attualmente risulta impossibile ricostruire le case distrutte, disinnescare le mine o gli ordigni inesplosi, ripristinare le reti idrica e fognaria. La situazione è drammatica e gli sforzi da compiere a tutela dei diritti dei bambini sono notevoli, ma questo certo non scoraggia l’Unicef.

I contributi alle iniziative promosse giungeranno da ogni parte. Quello della Nuova compagnia di teatro popolare sarà fra questi. Il successo della commedia e del fine sociale è già annunciato. Del resto è ancora vivo il ricordo della commedia “Cani e Gatti” di De Filippo, che fu portata in scena due anni fa raccogliendo vasti consensi. L’intero ricavato fu devoluto al progetto Unicef “Maternità sicura” in Sierra Leone.

«Quando si lavora in rete e le forze e le energie vengono incanalate in un sistema di parti ben integrate – commenta la presidente dell’Unicef Caserta, Emilia Narciso (nella foto) – allora raggiungere risultati per la salvaguardia dei diritti umani diventa un atto concreto e non intenzionale». «Con piccoli passi, ma compiuti con impegno, consapevolezza e sana organizzazione, anche le sfide più difficili – aggiunge Francesco Di Virgilio delegato alle attività culturali del comitato dell’Unicef – possono essere vinte».

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico