Campania

Usura, sequestrati beni a imprenditore casertano

Guardia di FinanzaCASERTA. La Guardia di Finanza di Rimini ha sequestrato quattro appartamenti e altrettanti garage oltre a quattro aree urbane, per oltre 500mila euro, riconducibili a M.P. un imprenditore di San Marcellino (Caserta).

L’uomo, già sotto processo davanti al tribunale di Bologna per usura e estorsione assieme ad altre due persone e ritenuto legato al clan dei Casalesi, aveva evitato di rogitare gli immobili acquistati reinvestendo i proventi dell’usura.

Nel marzo dello scorso anno la Direzione distrettuale antimafia di Bologna, grazie ad indagini condotte dal procuratore aggiunto di Bologna, Silverio Piro e dal pm Antonella Scandellari, aveva sequestrato nell’ambito dell’operazione ‘Cravatta’ altri 26 immobili (per sette milioni di euro), riconducibili all’uomo. Ulteriori indagini nei confronti dell’uomo, accusato di aver taglieggiato imprenditori bolognesi e veneti, hanno poi permesso di individuare discrepanze tra i redditi e il suo patrimonio, scoprendo che aveva pagato gli appartamenti di Portogruaro, senza però rogitarli.

Per gli inquirenti l’uomo reinvestiva nell’attività usuraria il denaro che arriva da Aversa. Nelle carte processuali ci sono prove di suoi contatti con Paolo Cecere, esponente di spicco dei Casalesi. Già arrestato su ordinanza di custodia cautelare nel 2006, ora ha l’obbligo di firma.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico