Volla

Napoli, quinta edizione del concorso regionale “Ipsar-Amira”

 NAPOLI. La quinta edizione del “Concorso Regionale Associazione maîtres italiani ristoranti e alberghi – Istituti professionali per i servizi alberghieri e della ristorazione” ha quest’anno superato se stessa.

La manifestazione patrocinata dalla Provincia di Napoli, ed ideata dalla sezione napoletana dell’Amira diretta dal fiduciario Giuseppe Di Napoli, è diventata sin dal suo primo anno di realizzazione un successo per la promozione dei prodotti tipici campani. Anche la professionalità espressa dagli allievi degli Ipsar della nostra regione, ha dimostrato essere sostanziale per uno sviluppo del territorio mirato ad un più ampio respiro nazionale ed internazionale. Essenziale per un vero successo, quest’anno, è stata la collaborazione del presidente locale dei maîtres e l’opera offerta dai soci napoletani del sodalizio che si sono unite alla disponibilità di imprenditori come Mario Leonessa, presidente dell’omonimo gruppo che racchiude altre strutture alberghiere oltre all’hotel “Leonessa” a Volla che porta il nome anche del loro famoso pastificio, e che ha ospitato la manifestazione del 2009 nella prestigiosa struttura alberghiera. Per una giornata il noto albergo di Volla è divenuto teatro di successi per la napoletana Amira e per i diciassette istituti alberghieri, provenienti da tutta la Campania, con i loro alunni preselezionati ed i docenti che li hanno accompagnati.

Alla kermesse hanno dato un sostanziale contributo oltre all’impegno della proprietà dell’albergo con il suo responsabile Alessandro Russo e l’amministratore Tommaso Leonessa, il professore Flavio Amirante, per l’organizzazione delle sale dove si sono svolte le gare, dell’accoglienza di concorrenti ed ospiti e per la direzione dei momenti di uscita e partecipazione degli alunni in gara, il maître Pasquale Grande ed il professore Nello Ciabatti che come ormai consuetudine ha presentato l’intera manifestazione fra gli applausi del pubblico che gremiva le sale, mentre due attraenti bellezze, altra ricchezza della nostra regione, Raffaella e Stefania espletavano i conteggi della votazioni espresse dalla giuria. A tanta buona volontà espressa dai docenti menzionati va aggiunta la costante presenza ed impegno del socio Dario Duro che nell’Amira svolge con una registrazione di continui successi l’incarico di PR. Per quanto riguarda l’hotel si sono prodigati il maître della struttura Raffaele D’Ambrosio, il direttore Francesco Montagna, socio Ada, ed il consigliere nazionale dell’Aibes Giovanni Di Somma, capo barman del “Picasso” (il bar dell’hotel) che arricchisce di successi il Leonessa, che hanno accolto con le loro consuete attenzioni ed ospitalità gli ospiti della manifestazione Amira.

Il concorso si è sviluppato con due momenti: uno che prevedeva una performance dell’arte del flambè attraverso l’utilizzo di prodotti tipici della sola Campania, tranne gli alcolici, per flambare, che potevano essere anche non necessariamente regionali, con protagonisti gli allievi del terzo anno, coadiuvati da quelli del secondo anno, che hanno presentato un vino campano in abbinamento al piatto. Mentre l’altro momento di gare ha avuto come partecipanti gli allievi del quarto e quinto anno con tema “I prodotti tipici della Campania Felix” ovvero la valorizzazione dei prodotti tipici ineguagliabili, grazie alle straordinarietà trasmesse dal fertile suolo vulcanico, il clima mite, il paesaggio articolato e complesso.

Due qualificate giurie sono state formate per valutare i concorrenti, che si sono esibiti nella preparazione di un piatto alla “Lampada”, nel categorico tempo di 15 minuti previsti dal regolamento, una per i concorrenti dispari ed una per quelli pari, al fine di accorciare i tempi del concorso. Una presieduta dal segretario nazionale Amira Mario Petrucci e composta da Pasquale Brillante, sommelier Ais, Armando Petrone, Vincenzo Minervino e Giuseppe De Girolamo, giornalista enogastronomo, e l’altra presieduta dal Gran Maestro della ristorazione Gaetano Marchese e composta da Francesco Fontanarosa, enologo, Dario Duro, Antonio Montuori e Pasquale Paino, socio Amira (noto organizzatore di corsi di formazione e aggiornamenti per i quali è possibile richiedere informazioni all’indirizzo: pasqualepaino2002@libero.it). L’altra giuria per la Bevanda Tipica e per il Prodotto gastronomico tipico della Campania Felix, è stata invece presieduta da Alberto Alovisi, presidente dell’Ada Campania, e composta da Giuseppe Iasiello, Gran Maestro Amira, Edoardo Lanza, ideatore e realizzatore del “GusMed….Festival”, Enio Caprionono dell’Urcc e dal sommelier Vincenzo Irlante.

Al termine, Di Napoli e Petrucci hanno consegnato attestati a tutti i partecipanti ed ai docenti che hanno rappresentato gli Ipsar in gara. Sono intervenuti portando il loro saluto il professore Antonio Faracca, Ciro Di Dato, presidente di “Assoimpero” che ha sponsorizzato l’evento offrendo anche le necessarie targhe per i ringraziamenti agli altri sponsor, Rosario Lopa, per il “Ministero delle Politiche Agricole e Forestali”, Piero Ferretti, figlio di Mimmo che fu il creatore degli Ipsar in Italia facendo nascere la prima sede del Cavalcanti in Via Giovenale a Napoli, Francesco Reder, fiduciario Aibes Campania, il cantante Luciano Capurro e l’attore Biagio Gragnaniello. La targa “Special Prize 2009” assegnata ai personaggi benemeriti è stata consegnata da Di Napoli, fortemente commosso, a Nello Ciabatti (papà dello speaker della giornata) che è stato uno dei fondatori dell’ Istituto Alberghiero.

Targhe di ringraziamento sono state consegnate ai vari sponsor della manifestazione: “Conti di Modica Vini”, “Latticini e salumi – Sua Maestà”, , “Pastificio Leonessa”, “Castello Santa Caterina – château de charme”, “Cafè Puerto Svago” di Pozzuoli, ai ristoranti “Safarah” di Brusciano, “Giubileo” di Bagnoli, “Arcadia Restaurant Park” di Quarto , “D&D Ricevimenti” e “Del Pino”. A conclusione della giornata di successi, come affermato da Di Napoli “non per me, ma per la mia regione e la mia Italia”, sono stati premiati i vincitori.

Ecco la classifica dei premiati per le varie categorie:
“Abbinamenti enogastronomici” 2° anno

1 Mattia Orlando Ipsar “G. Rossini” Na
2 Maria Elena Visconti Ipsar “R. Virtuoso” SA
3 Viviana Ginestra Ipsar “Ugo Tognazzi” di Pollena Trocchia
“L’arte del flambè” 3° anno

1 Brigida Errico Ipsar “Carmine Russo” Cicciano
2 Anna Sigillo Ipsar “Ugo Tognazzi” di Pollena Trocchia
3 Fabiana Amendola Ipsar “G. Ferraris” CE

“Bevanda tipica della Campania Felix” 4°anno

1 Vincenzo Sapio Ipsar “G. Rossini” Bagnoli NA
2 Rosa Merola Ipsar “Teano” di Teano
2a ex aequo Teresa Dell’Anno Ipsar “Carmine Russo” Cicciano
“Prodotto gastronomico tipico della Campania Felix” 5° anno

1 Raffaele Iovinella Ipsar “G. Ferraris” CE
2 Michela Lilla Ipsar “Carmine Russo” di Cicciano
3 Gessica De Gisi Ipsar “Manlio Rossi Doria” AV

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico