Santa Maria C. V. - San Tammaro

Rauso: “Un’amministrazione di dilettanti”

RausoSANTA MARIA CV. “Un’amministrazione di dilettanti che gestiscono la “Cosa Pubblica” con approssimazione o di furbi che usano il potere conferito dal popolo per i loro interessi?

Questa è la domanda che mi pongo da mesi, cioè da quando si è insediata l’Amministrazione Giudicianni. Dal mese di settembre del 2007 ho posto all’attenzione della maggioranza e di tutto il Civico Consesso la questione degli abusi edilizi che sono stati registrati nelle zone individuate nel PRG come zone F (zone destinate ad interventi di interesse pubblico, ecc) ed in aree che, secondo l’edilizia convenzionata erano destinate a standards urbanistici e, quindi, da acquisire al patrimonio comunale per essere destinati a verde pubblico, strade o altri servizi di pubblica utilità. Dopo aver chiesto di intervenire sulla questione, molto delicata e che configura gravi danni alle finanze comunali ed aver inutilmente chiesto la nomina di una commissione di studio e di indagine sulla materia, la città resta ancora in attesa di conoscere cosa si nasconde dietro a questa faccenda ormai a tutti nota. Dopo la mia ennesima richiesta in Consiglio, si è registrata la lettura di una relazione del Sindaco, più volte promessa e sollecitata, che conteneva solo aria fritta. La mia richiesta di nomina della Commissione,puntualmente e come avevo previsto, è stata respinta, in quanto vi sono molti interessi sulla questione e solo alcuni membri dell’opposizione hanno capito il vero spirito della richiesta ed mi hanno dato il loro appoggio. Non è possibile che si continui ad amministrare in questo modo, nell’interesse solo di pochi individui e non della collettività. L’assessore delegato, sino a l’altro ieri, aveva promesso di risolvere il problema, invece non ha fatto niente, mentre detiene le carte relativa a questa problematica e, nonostante le mie sollecitazione, non le rende pubbliche. Forse si ignora che le aree destinata a standards non potevano essere mometizzate se non con il consenso del Consiglio Comunale ed a prezzi congrui e solo aver individuato sul territorio altre aree che compensassero l’alienazione di quelle monetizzate. Quest’Amministrazione, da quando si è insediata, non ha assunto alcun provvedimento importante e conforme al programma elettorale proposto ai cittadini, mentre si continuano a registrare spaccature ed il fiorire di nuovi gruppi eterogenei che si formano in e per la difesa di interessi o la richiesta di posti in Giunta o nomina in Enti controllati. Fino a quanto potremo assistere a questa farsa ed ad ignorare gli interessi di una città saccheggiata dai comitati d’affari?”

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico