Italia

Vanna Marchi e la figlia tornano in carcere: condanna definitiva

Vanna Marchi e la figlia Stefania NobileROMA. La seconda sezione
penale della Cassazione ha condannato in via definitiva la “teleimbonitrice” Vanna Marchi e la figlia Stefania Nobile a nove anni e mezzo di reclusione.

Per entrambe, dunque, si riaprono le porte del carcere in quanto è stata confermata
la sentenza con cui la Corte d’appello di Milano, il 27 marzo scorso, le aveva
condannate per associazione a delinquere finalizzata alla truffa, assieme al
convivente della Nobile, Francesco
Campana
, e al “mago” Mario Pacheco
Do Nascimiento
, attualmente latitante in Brasile. I giudici hanno
confermato anche tutti i risarcimenti a favore delle vittime delle truffe,
complessivamente 111. Per la Marchi e suo figlia, infatti, erano stati
stabiliti risarcimenti complessivi per oltre 2 milioni e 300 mila euro, poiché
colpevoli di aver truffato decine di clienti tramite televendite, vendendo
amuleti e oggetti dotati, a loro dire, di proprietà miracolose. In primo grado
erano state condannate a oltre 12 anni in due processi distinti, pene che si
erano ridotte in secondo grado in quanto era giunta la prescrizione relativa ad
una serie di truffe.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico