Italia

Tripoli, sancita la ‘pace’ tra l’Italia e la Libia

 TRIPOLI. Dopo aver partecipato in Egitto alla Conferenza per la ricostruzione di Gaza, il premier Silvio Berlusconi firma a Tripoli la “pace” con la Libia di Gheddafi.

L’accordo mette la parola fine al contenzioso sul passato coloniale italiano in Tripolitania e Cirenaica e apre un’epoca di cooperazione in campo economico e di lotta all’immigrazione clandestina. L’Italia finanzierà la realizzazione di infrastrutture sul territorio libico per una spesa complessiva di circa 4 miliardi di euro nell’arco di 20 anni. L’esecuzione delle opere, che saranno concordate da un comitato paritetico, sarà affidata a imprese italiane.

Il premier ha inoltre ufficializzato il suo invito a Gheddafi anche di fronte al Congresso del popolo (il Parlamento libico), riunito proprio ieri per ratificare l’accordo di amicizia tra Roma e Tripoli firmato il 30 agosto scorso a Bengasi dallo stesso Berlusconi e dal Colonnello.

“Formulo ufficialmente l’invito a Gheddafi a venire per la prima volta in Italia nell’importante occasione del G8. Ancora e formalmente accuso il nostro passato di prevaricazione sul vostro popolo e vi chiedo perdono. Nessun popolo può avere il diritto di sottomettere e governare un altro popolo, sottraendogli la propria cultura e le proprie tradizioni”.

Il patto di amicizia tra la Libia e l’Italia, oltre alla cooperazione in campo economico, soprattutto energetico e nel settore delle infrastrutture, ci sarà l’impegno di Tripoli a vigilare le proprie coste per impedire gli sbarchi di immigrati verso il nostro paese.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico