Italia

Si al testamento biologico: è scontro in Senato

 ROMA. Il Senato dà il via libera al ddl Calabrò sul biotestamento. Il testo è stato approvato con 150 voti a favore, 123 contrari e 3 astenuti e ora passa alla Camera.

Sul provvedimento si è aperto un duro scontro tra maggioranza e opposizione, quest’ultima che parla di un ddl “fondato sul tradimento e su parole ingannevoli”. Il capigruppo del Pdl, Maurizio Gasparri, che accusa la sinistra di voler “aprire la porta all’eutanasia”, dedicando, senza nominare Eluana Englaro, la giornata di oggi “a chi non c’è più”. Ma il Pd avverte: “La legge approvata oggi non ha nulla a che vedere con il testamento biologico – dice Enzo BiancoSiamo pronti al referendum”.Sulla stessa linea dei democratici anche l’italia dei Valori.

Stamani, con 136 voti favorevoli e 116 contrariera stato approvato l’emendamento che limita il potere della dichiarazione anticipata di trattamento da parte del paziente.

La cosiddetta “Dat”, quindi,non sarà più vincolante e anche la sua durata cambia, da 5 anni scende a 3.

“Eravamo qui – ha affermato il capogruppo del Pd al Senato Anna Finocchiaroper scrivere un testo sulle dichiarazioni anticipate di trattamento, ma con questo emendamento mi chiedo di cosa stiamo discutendo, visto che le dichiarazioni non conteranno assolutamente nulla. C’è un limite oltre il quale la finzione non si regge più”.

“Ci fermiamo alla non obbligatorietà – ha sottolineato il vicepresidente dei senatori Pdl Gaetano Quagliarielloper non rendere questa legge soggetta a interpretazioni. Vogliamo lasciare al medico un margine per poter intervenire a fronte di nuove evidenze scientifiche”.

Contrari all’emendamento sulla Dat anche i senatori dell’Italia dei Valori che hanno protestato con l’esposiziuone di alcuni cartelloni con le scritte “Testamento ideologico” e “Testamento bio-illogico”. Il capogruppo dell’Idv Felice Belisario ha ribadito la volontà del suo gruppo di raccogliere le firme per un referendum sulla questione: “L’aula di Palazzo Madama sta approvando una bruttissima legge che imbroglia gli italiani. L’Idv proporrà ai cittadini di impugnare subito la legge con un referendum abrogativo riportando i cittadini al centro delle scelte. Lo Stato viene dopo la volontà dei cittadini”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico