Frignano - Villa di Briano

Viaggio lungo la vecchia Alifana, sui binari case abusive

AlifanaFRIGNANO. Strade ferrate che si innestano nei territori, trasformate da luoghi di vita a percorsi fantasma.

La giornata nazionale delle ferrovie dimenticate, organizzata da Italia Nostra, Società geografica italiana, Greenways e Comitato mobilità dolce per il recupero delle tratte si svolgerà oggi con iniziative mirate a puntare i riflettori sulle linee ferroviarie dismesse e cadute nell’oblio. L’obiettivo che accomuna le associazioni promotrici dell’evento è quello di riconvertire le linee minori al riutilizzo creando percorsi di mobilità alternativa, prima di tutto per le biciclette. Un progetto che in Terra di lavoro, più che una sfida, sembra un’utopia.

Lo sguardo è immediatamente rivolto allo stato di degrado in cui versa il tratto cosiddetto «basso» della famosa linea ferroviaria Napoli-Benevento, la più nota «Alifana»: il troncone che fino al 1976 collegava Santa Maria Capua Vetere (dove ancora esiste il rudere della stazione di Sant’Andrea dei Lagni) al capoluogo partenopeo, a ripercorrerlo oggi esprime un deciso arretramento del progresso.

A Teverola la vecchia stazione, che a lungo ha ospitato i container del terremoto del 1980, è ridotta a un ricettacolo di lastre di cemento-amianto; proseguendo verso Casaluce, con la stazione diroccata, il vecchio binario finisce sbarrato dai manufatti abusivi, case e capannoni. Il tracciato così quasi non si vede più, soffocato in un ammasso di cemento su cui per anni ha imperato il silenzio delle istituzioni. Adesso alla Procura della Repubblica sono state inoltrate dal Comune centinaia di denunce per segnalare l’abusivismo edilizio perpetrato sulle aree che restano ancora di proprietà della società regionale Metrocampania Est. Tra scempi e assenza di ogni forma di valorizzazione, l’evidenza del tragitto viene recuperata a fatica.

A Frignano, forse, ma per poco e con la stazione diventata tuttavia un grande deposito di materiali edili, accumulati a poca distanza dai resti di un semaforo e da qualche parte di binario non coperta dall’asfalto.

A San Marcellino invece, la stazione è stata rifatta per essere trasformata in un bar «Bar della stazione». Mai aperto. Un progetto fallito.

Attraversando Trentola Ducenta, con la casa cantoniera diventata per un periodo luogo di culto, si giunge a Lusciano, dove nell’ex stazione è possibile vedere il bucato steso, a testimonianza che lì dove c’era la biglietteria, oggi c’è una casa privata. Ad abitarla la figlia dell’ex cantoniere.

Da Lusciano ad Aversa e qui, con l’arco dell’Annunziata come sfondo, quel che rimane dell’«Alifana» non è altro che un rudere abbandonato e un piazzale adibito a parcheggio destinato a chi fa shopping in via Roma e agli studenti di Ingegneria della Sun. Insomma, caos di auto, clacson e rumori. Altro che piste ciclabili tanto decantate dalle amministrazioni dei vari paesi dell’agro aversano che la bicicletta l’hanno sempre messa in prima linea nell’idea di recupero del percorso. Ma, appunto, solo nell’idea o al massimo in qualche studio mai diventato realtà. Altro che verde. Niente. E neanche, beffa su beffa, la presenza di una rete efficace di trasporto.

«Era così bello avere la ferrovia nei nostri paesi – ricordano Pina Felaco di Casaluce e Giuseppe Verolla di Lusciano, utenti «storici» – ci potevamo spostare da un posto all’altro senza grandi sacrifici. Oggi invece siamo ritornati indietro».

In effetti, lo scorso anno un timido tentativo di ripristinare una rete di collegamento fra i vari centri dell’hinterland aversano è stato compiuto con la proposta intercomunale di una piccola ferrovia da realizzare underground. Insomma degrado sopra, ma almeno utilità sotto. Questa l’idea. Ma per ora solo parole. Fatti zero.

da “Il Mattino”, 01.03.09 (di Alessandra Tommasino)

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Teverola, marciapiede dissestato: cade a terra e finisce in ospedale. “Voglio ringraziare…” https://t.co/UBMeWiTPnm

Tueff, il “rapper brigante pe’ ammore” https://t.co/Y5jepfY8tO

Ponti tra Cesa, Aversa e Sant’Antimo: incontro tra sindaci https://t.co/m29ws4nyaD

Teverola, marciapiede dissestato: cade a terra e finisce in ospedale. "Voglio ringraziare..." - https://t.co/yLwaaT0qXf

Condividi con un amico