Cesa

Angolo della Poesia

Ecco “L’Angolo Della Poesia”,

uno spazio in cui potrete rendere pubblici ivostri pensieri, anche in totale anonimato.

Uno strumento nel quale sfogarsi o rifugiarsi nei momenti di difficoltà o di enorme gioia.

Inviateci i vostri scritti all’indirizzo redazione@pupia.tv

PREGHIERA (Enza di Cesa)

Lasciami vivere
Come questo pensiero
Oggi mi dice
Lasciami vivere
Per essere felice
Anche se non saprò mai
Cosa sia la felicità
Lasciami vivere
Nei silenzi di una stanza
Piena di ricordi
Lasciami vivere
Libera
Così come vola
Il gabbiano verso il mare
Lasciami vivere
Per amare
E stendere le mani
a chi ne ha bisogno
Lasciami vivere
Per realizzare anche
Solo un sogno
Lasciami vivere
Come non ho mai vissuto
Lasciami vivere
Almeno un minuto
Intensamente
Senza remore né rimpianti
Lasciami vivere
Per andare avanti
Ancora un giorno
Solo questo chiedo
Lasciami vivere

LA FESTA DI SAN CESARIO (Enza di Cesa)

Di buon mattino
Sento Nanninella
La mia vicina
Già armeggiare in cucina
Mentre da un pezzo
San Cesario
si è messo in cammino
Portato in spalla con fervida passione
E guidato dal parroco
don Peppino Schiavone
Va con il suo rametto di ulivo in mano
Per dispensare alla sua comunità
Che lo attende
come un caro parente lontano
Tanta pace e serenità
Sgranano i rosari le vecchiette
Al passaggio della processione
Le giovani spose avvicinano
All’argentea effigie
Accarezzata da petali di rose
I propri piccoli
Per dar loro la prima benedizione
Tanti ripetono sottovoce
Devotamente quel nome
“San Cesario”
Cercando di alleviare così
Un po’ la propria croce
E anche quegli uomini
Che credono di essere i più “potenti”
Dinanzi a lui chinano il capo
Per diventare clementi
Scende la sera
Si accendono le strade del paese
Ragazzi e ragazze lasciano ridenti l’uscio
E si affrettano per lo struscio
Tutti vestiti a festa
Con tanta spensieratezza nella testa
Conserveranno negli occhi
Quest’ultimo ricordo d’estate
Insieme ai tocchi
delle campane che indicano
il ritorno alla sua chiesa
del nostro amato Santo
Inizia così l’incanto
dei fuochi colorati
sotto gli astanti assiepati
in piazza de Michele
Stelle scintillanti si librano nel cielo
E per una notte sembra sbiadire quel velo
Di assurde e talvolta ipocrite convenzioni
Di questa brava gente
Che tra la profonda commozione
Conserva questa sua bella tradizione
“Il peso dell’esistenza” (Enza di Cesa)

Sembrano lontani
Quei giorni di sofferenza
Ai quali se penso
Non credo
Di averli vissuti io
Proprio io
Così come lontano appare
Tutto quello di più caro
Che mi è stato concesso
Malinconia
Di non potermelo più riprendere
Cosa darei per ritrovare
Almeno un solo istante
Che potesse rinascere impetuoso
Dentro di me
Lo stesso entusiasmo del fanciullo
Spensierato di prendere a calci un pallone
Solo contro un muro
O dell’altro che gli si avvicina
Di corsa con un sorriso
E getta via dalle spalle la cartella
Per restare con l’amico
A giocare
Là dove sul ciglio della strada
Germoglia ancora l’erba
Insieme ai papaveri rossi
Sotto quel cielo di aprile
Quando il vento scompiglia i capelli
Carezzandoti la fronte
E il sole rende il primo omaggio all’estate
Fino a sera
Incuranti del tempo
E delle preoccupazioni delle care madri
Non so se mi fa più paura
Il peso dell’esistenza
La consapevolezza di questa triste realtà
Che mi ha reso più forte
O quella tenera ingenuità
Che fino a ieri
Mi permetteva ancora
Di vivere.
“Cesa” di Giovanni Visco

Sona ‘a campana ogne matina

Se sceta Cesa paese cuntadino,

cu’ sti campagne prufumate d’uva

e addòre ‘e pane frische dint’ ‘e ccase,

cu’ ‘e vvote ‘e vino fravule e asprino,

‘na tradizione antica ‘e ‘stu paese

‘e ggente dignitosa e assaje curtese.

‘Sti cesani s’hanno fatt’onore,

hanno zappat’ a terra co’ sudore,

dann’e figlie ‘o studio e l’avvenire;

sona ‘a campana ‘e ‘stu paese,

Cesa laureata, paese d’ ‘e dutture.

Sona ‘a campana ‘a dummeneca matina

s’regne ‘sta piazza De Michele,

‘a ggente ‘e Cesa s’è cagnata,

nisciuno te saluta, vann’e pressa,

ognuno fa politica per suo interesse,

surtanto ‘e vicchiarielle penziunate

se fanno a partetella senzapressa,

so’ poche ‘a ggente ca se sente ‘a messa.

Povera e ricca Cesa, comme te si’ cagnata!

Senza cchiù ‘o criscito d’ ‘o ppane,

cu sti campagne chiene e cemento armato

sona campana ogne matina

se sceta Cesa ma nun è cchiù cuntadina,

‘a ggente mò so’ signure, so’ tutte cittadini.

“O’ computer” di Giovanni Visco

Comm’è cagnata a vita,

qu chisti compiuter,

tutt’e iorne se fa guerra,

pecchè sadda navicà.

Ogge l’ommo s’è cagnato,

nun è chiù sentimentale,

pur’isso, è alimentato,

a chistu munno virtuale…

fin’e ‘aiere cuntave ò raggiungere,

pè tutt’a contabilità,

ogge c’è il commercialista,

ca premendo la tastiera,

tiene ì dati sempre in vista.

Ogge è tutte virtuale,

tutte cosa pure ò male

comm’è cagnato o munno,

qu chisti compiuterr,

ogge l’ommo spremme nu buttone,

pure sì addà fa ‘a guerra.

Sariniello Santadduone

(a Cesarino Rao)

Santadduone amico mie,

‘e nu piccolo grand’ommo,

tene nbiett’ò sentimento,

dà na mano acchì cia cerca senza s’arrepusà,

organizza ‘e meglie feste

cu passione è serietà,

partecipa è presente a tutte l’attività,

ce piace ll’amicizia, ò pallone, è o triato,

a criate ò cleb Napoli,

a proloco ‘ò va cercanne,

se prodicato p’à corale,

è pe ll’estate ‘è stu paese llanno fatte,

preserente, a compagnia d’à cesart,

ò vo’ bene acchistu curto,

ce piace ‘è rraggiunà.

O’ vedite a tutte parte,

pure ò nuovo dirigente d’à scola elementare,

è rimasto sbalurdute ‘e chistu preserente.

Ca tutte sape fa,

Sì ce stessene,

a stu paese,

quatto ‘o ‘cinghe Santadduone,

jessene tutt ‘e cose bbòne,

è pure a festa ‘e pascalina,

o’ iuorne e’ San Martino

se putesse festeggià …

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico