Carinaro

Comparone: “Masi fasciato dal suo egocentrismo”

Tommaso ComparoneCARINARO. Le dimissioni di Paolo Sepe e Domenico Barbato “sono la naturale reazione alle prepotenze e all’arroganza nonché alla testardaggine, caratteristiche del dna di Mario Masi”.

Questo il pensiero del capogruppo dell’opposizione Tommaso Comparone, sicuro che l’atto estremo dei due assessori di allontanarsi dalla giunta Masi e di passare all’opposizione sia dovuta all’atteggiamento “dispotico” del sindaco, che “non prende atto della realtà perché fasciato dal suo egocentrismo”.

Comparone punta sul Cimitero e sui Pip per spiegare come l’attuale sindaco “sia sordo alle posizioni degli altri”. Per il capogruppo dell’opposizione “il progetto non è piaciuto alla gente e ben pochi hanno comprato cappelle e loculi in quella struttura circolare”. Anche per lui, come per Barbato, “l’area Pip è una cattedrale nel deserto dove è impossibile posizionare gli artigiani e che dunque rappresenta un fallimento soprattutto in questo momento di crisi economica, durante la quale ci sarebbe bisogno di incentivare i piccolo imprenditori e non di costringerli a spese improponibili”.

La colpa, se di colpa si può parlare, è dunque tutta del sindaco. Al contrario i due ex assessori, per Comparone, “sono giovani che lavorano bene e che hanno sempre dimostrato di essere impegnati per il territorio”. Con Sepe Comparone ha già avuto un’esperienza amministrativa e “Barbato è una persona seria alla quale mi lega anche la stessa visione dell’agire politico e amministrativo”.

Dunque, per il capogruppo dell’opposizione, che si presenterà alle prossime elezioni amministrative con una sua lista in qualità di sindaco, sarebbe “un piacere avere l’appoggio politico e attivo dei due ex assessori”. A tal proposito Comparone si dice “lieto della possibilità di poter lavorare con loro” e spera anzi “che, dopo cinque anni in cui hanno vissuto una situazione difficile, possano ancora avere la voglia di impegnarsi e di lavorare nell’amministrazione e nella politica”. “Di certo – asserisce Comparone – nel mio gruppo non ci saranno mai prevaricazioni e non sarà mai mortificato il lavoro delle persone”.

E Sepe e Barbato potrebbero non essere i soli due esponenti della maggioranza a lasciare Masi. Comparone ne è certo e conclude il suo intervento affermando: “Ci sono altre persone che attendono solo l’occasione per allontanarsi da Masi. Io spero che trovino presto il coraggio per farlo”.

dal Corriere di Caserta (lu.co.)

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico