Aversa

Lavori in via Seggio, Scaringia ordina perizia tecnica

Vittorio ScaringiaAVERSA. Via Seggio, “la gruviera” continua a causare non poche polemiche. Dopo i problemi giudiziari avuti dalla ditta appaltatrice, ad intervenire è Vittorio Scaringia, presidente de “Le botteghe del Seggio”, …

… che fa i suoi auguri ai neo eletti Maurizio Pollini e Pino Brusciano, rispettivamente presidente provinciale e zonale della Confesercenti, alla luce della conferenza stampa di presentazione della scorsa settimana. “Vorrei fare i miei migliori auguri al nuovo presidente di Confesercenti, Pino Brusciano, grande amico sia mio che della mia famiglia, con il quale ho condiviso negli anni tantissimi momenti lavorativi e non. Ritengo Brusciano persona intelligente, esperta ed estremamente educata e sono sicuro che lavoreremo di comune accordo per il bene della categoria e della città. Faccio inoltre gli auguri al presidente Pollini per il suo nuovo e prestigioso incarico, del quale riconosco il grandissimo lavoro sindacale svolto negli ultimi anni con il solo rammarico per le nostre incomprensioni che spesso non ci hanno permesso di tenere uniti gli esercenti aversani, spesso disorientati da inutili polemiche. Intanto, notizie ufficiose danno il Siad sempre più vicino all’essere portato in Consiglio Comunale con una prossima riunione con l’Amministrazione, le associazioni di categoria ed i tecnici in modo da visionare ed approvare il lavoro svolto. Stupisce l’arresto di alcuni imprenditori locali titolari della ditta edile che ha eseguito i lavori in via Seggio, i cui risultati, quanto meno discutibili, sono sotto gli occhi di tutti. La settimana prossima un tecnico da me incaricato si occuperà di eseguire una perizia tecnica in proposito”.

Resta sempre in piedi la proposta avanzata da Margherita Rubino, la commerciante vittima del racket balzata agli onori della cronaca per gli atti vandalici subiti dal suo esercizio commerciale, di manifestare il disappunto sui vari temi di inerenza cittadina con una serrata comune ed unanime.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico