Sant’Arpino

Progetto “Sant’Arpino in security”

 SANT’ARPINO. E’ stato presentato dall’amministrazione retta dal Sindaco Eugenio Di Santo ed è in attesa di approvazione il progetto “Sant’Arpino in security”.

L’assessore alla sicurezza Nicola Chianese spiega che “oggi più che mai le telecamere, nei parchi e nei luoghi pubblici in generale, sono diventati un elemento indispensabile di garanzia di sicurezza. Utili, ovviamente, a garantire la sicurezza dei cittadini contro la microcriminalità ma anche per scongiurare il rischio dello smaltimento abusivo dei rifiuti e delle discariche a cielo aperto in siti non autorizzati, per il controllo del traffico e per la prevenzione contro atti di vandalismo. Il progetto – ha spiegato l’assessore Chianese – prevede l’installazione di un sistema di videosorveglianza costituito da undici telecamere installate in punti sensibili del territorio e da una centrale di controllo e di gestione. Le undici nuove postazioni, che saranno poste a controllo di luoghi strategici quali gli edifici comunali e le scuole, rappresenteranno l’estensione delle tre videocamere che saranno installate a breve. Queste tre videocamere rientrano nel progetto ‘Viviamo la città’già in fase esecutiva e saranno installate nei prossimi giorni in Via Baraccone per il controllo dell’isola ecologica, in Via D’Anna e in Via della Libertà. Le undici nuove postazioni previste dal progetto Sant’Arpino in security in fase di approvazione renderanno, dunque, ancora più efficiente il nostro sistema di videosorveglianza. L’obiettivo della nostra amministrazione, fin dall’insediamento, è stato quello di porre in primo piano le esigenze della popolazione e, oggi, la sicurezza urbana rappresenta un’esigenza non più trascurabile. E’ indispensabile garantire un alto livello di qualità della vita e, in questo senso, il sistema di videosorveglianza rappresenta un obiettivo prioritario. Un sistema di sicurezza – ha concluso Chianese – funziona davvero solo se tutte le istituzioni lavorano insieme ed è per questo che potranno accedere ai dati e alle registrazioni tutti gli altri enti preposti alla sicurezza come la locale stazione dei carabinieri e il commissariato di polizia. Una sinergia indispensabile per garantire ciò che ci sta più a cuore, la sicurezza dei nostri cittadini”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico