Santa Maria C. V. - San Tammaro

Rauso: “Chi paga i danni arrecati ai cittadini?”

RausoSANTA MARIA C.V. “Tutta la vicenda dell’affidamento del servizio di riscossione dei tributi presenta dei risvolti alquanto oscuri e, sicuramente, indici di responsabilità da parte di amministratori e dirigenti allora preposti al procedimento.

La sentenza del Consiglio di Stato che annullò la determina dirigenziale di affidamento alla GOSAF del servizio, invece di determinare il ritorno immediato alla gestione in house del servizio, anche alla luce del maggior costo che è venuto a gravare sulla cittadinanza, sia per l’agio da corrispondere alla ditta affidataria che per il mancato utilizzo del personale un tempo impiegato presso l’ufficio Tributi, oggi dismesso, fece scaturire solamente la decisione di prorogare l’affidamento del servizio alla GOSAF.
Oggi, dopo che la commissione presieduta dall’ottimo dott. Sorà, ha stabilito che l’offerta della GOSAF era anomala e dopo che da parte dello scrivente e di tanti altri consiglieri è stata sollecitata la riassunzione del servizio da parte del Comune, sembra che si sia sposata l’idea di riassumere la gestione diretta del servizio, escludendo i privati.
Ciò mi fa molto piacere, in quanto è l’unica possibile decisione, anche se tardiva, da assumere: Ma mi domando se saranno perseguiti i responsabili dei tanti errori che hanno determinato l’affidamento del servizio in presenza di un’offerta giudicata chiaramente anomala e che ,secondo i parametri di Legge, doveva essere a suo tempo esclusa.
Chi deve rifondere i maggiori costi di gestione del servizio, le spese legali sostenute nei giudizi che si sono tenuti davanti al TAR ed al Consiglio di Stato, i costi del personale che è stato per tanto tempo inutilizzato? Quali conseguenze ricadranno sui cittadini e sulle finanze del Comune di Santa Maria Capua Vetere dalla decisione di escludere la GOSAF dalla gestione del servizio se non saranno assunti atti perfetti ed a prova di impugnativa.
Sper che non si rinnovi la querelle che dura da anni e che, una volta per sempre si pensi all’interesse della città e si persegua l’operato di chi ha cagionato danni”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico