Orta di Atella

Nasce l’associazione dei commercianti ortesi

 ORTA DI ATELLA. La notizia era nell’aria da diversi giorni, ma da ieri ha anche i crismi dell’ufficialità: Orta di Atella ha la sua prima, autentica, associazione di commercianti.

L’U.C.O. (Unione commercianti ortesi) è la sigla che raggruppa commercianti, pubblici esercizi, artigiani ed esponenti di attività di servizi che operano sul territorio della cittadina atellana e che, a seguito del fronte comune relativo alla battaglia, poi vinta, della chiusura domenicale degli esercizi pubblici, hanno deciso di rendere stabile il sodalizio instauratosi in queste settimane. L’obiettivo dell’associazione è molto chiaro: garantire ai negozianti di Orta di Atella la tutela dei propri diritti di lavoratori e, magari, in futuro collaborare con l’amministrazione che verrà per promuovere iniziative sul territorio. Un progetto iniziativa forte, serio, sbocciato anche per merito dei Popolari-Udeur ortesi dopo il profondo sostegno dato proprio ai commercianti contro l’ordinanza della triade di commissari prefettizi che sanciva la chiusura domenicale di tutti gli esercizi pubblici, provvedimento poi rimosso dagli stessi commissari che con grande disponibilità e sensibilità hanno rivisto gli estremi di un provvedimento estremamente penalizzante l’intera economia cittadina.

Il fatto che l’iniziativa sia di quelle affidabili è testimoniato pure dall’elezione di presidente e segretario dell’associazione: si tratta rispettivamente di Pasquale Del Prete, commercialista 26enne presso un noto studio normanno, e Giovanni Lustrino, titolare di una cremeria in corso San Massimo, nonché uno dei principali promotori delle iniziative che hanno visto protagonisti i commercianti. Gli altri componenti dell’associazione sono Salvatore Mozzillo, Syed Kazmi Muhammad Mehdi, Antonio Calamita, Antonio Saviano, Mario Russo, Giosuè Ianniciello, Giuseppe D’Ambrosio, Agnese Crispino, Sergio De Micco, Angelina Marinella Di Giorgio, Raffaele Gaudino e Francesco Mozzillo. A questi se ne aggiungeranno numerosi in questi giorni dove sarà possibile aderire liberamente.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico