Italia

11 febbraio 1965, per la Chiesa gli obiettori sono dei vili ma…

don Lorenzo MilaniAccadde Oggi. L’11 febbraio del 1965 i cappellani militari toscani definiscono gli obiettori di coscienza dei “vili”, è la voce della Chiesa nei confronti di un fenomeno sempre più largo che porta tanti giovani a non voler prestare il servizio militare.

Indirettamente è anche un richiamo a quanti nel mondo si oppongono alla guerra e alla divisa. Ma un prete di campagna, che opera a Barbiana, piccolo comune di montagna toscana, don Lorenzo Milani, scrive “L’obbedienza non è più una virtù”. Si apre uno scontro acre, tra don Lorenzo che difende l’obiezione di coscienza (lo scritto viene pubblicato sul settimanale “Rinascita”) ed il solito “comune senso del pudore italico”. Don Lorenzo viene accusato di apologia di reato, portato in tribunale viene assolto in primo grado, non riuscirà a vedere il suo appello, perché scompare nel giugno del 1967. Sulla porta della sua povera ma incredibile scuola, c’è un cartello sopra ci è scritto “I care”, una frase che per la prima volta compare al mondo, quella frase raccoglie i principi della sua scelta, “Ho a cuore”.

728x90 cavallino

TUIfly.com - Willkommen an Bord

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Aversa, De Cristofaro respinge accuse su Eav, buche e luminarie: "Facciamo fatti nel rispetto delle norme" - https://t.co/Wn6kqhMTOC

Trentola Ducenta, trasferimento mercato: per opposizione c'è rischio sospensione e spreco denaro pubblico - https://t.co/77F2Pr6WGy

Aversa, cena di beneficenza alla Salumeria del Seggio con lo chef Gaetano Torrente - https://t.co/1MqrCe3HSz

Aversa, “La politica che serve”: incontro alla Maddalena di Millennials e associazioni https://t.co/eoHmUx4HAK

Condividi con un amico