Home

Il Napoli sconfitto dal Genoa, tifosi “sequestrano” gli azzurri al San Paolo

Eddy RejaNAPOLI. Con una rete di Jankovic il Genoa affonda il Napoli, che ormai non vince da sette turni e non convince più sotto il profilo del gioco.

Ormai anche la tifoseria, dopo aver mostrato grande pazienza, è stufa della striscia negativa dei ragazzi di Reja. Tanto che domenica sera, a fine gara, i tifosi hanno “sequestrato” i giocatori nello stadio San Paolo. Viceversa, hanno applaudito i genoani, i cui tifosi, a loro volta, hanno rivolto cori di incoraggiamento agli azzurri, frutto del gemellaggio tra le due tifoserie. A calmare gli animi ci ha pensato il direttore generale del Napoli, Pier Paolo Marino, che, scortato dalla polizia, è poi uscito per parlare con i tifosi, i quali hanno chiesto di mandare la squadra in ritiro, chiedendo più disciplina per i giocatori: meno discoteche, hanno detto fra l’altro, e distrazioni per gli azzurri. Marino è poi rientrato negli spogliatoi incontrando il tecnico Eddy Reja, il presidente De Laurentiis e i calciatori Francesco Montervino e Paolo Cannavaro.

Fa autocritica l’allenatore Reja, al quale la società ha riconfermato la fiducia. “Gli allenatori vanno messi in discussione se non danno risultato”, ha detto. “Sono io il responsabile tecnico e quindi è giusto che sia io a rimetterci la faccia. Bisogna essere corretti al di là della delusione del momento, quindi io sono qui per analizzare la gara. Bisognerà ritrovare lo spirito dei tempi migliori. Questa era una squadra brillante e ora probabilmente dovremo ritornare ad essere come eravamo. Gli allenatori sono sempre in discussione, soprattutto quando non fanno risultato. Mi dispiace e mi immedesimo nei tifosi che sono particolarmente avviliti”. Poi ha parlato della gara: “Il primo tempo è stato discreto mentre nel secondo abbiamo perso la condizione ed è subentrata la paura perché questo stadio, il San Paolo, che prima era la nostra roccaforte ora può essere per noi un problema. Nel corso del colloquio con De Laurentiis e Marino – ha concludo – io sono stato più critico, ma loro mi hanno detto di dare fiducia alla squadra”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico